Ti sarà inviata una password per E-mail

Per Matteo Nannini si conclude un intenso anno di test in quel di Valencia, dove si è disputata l’ultima sessione prima di partire per gli Emirati Arabi e iniziare il campionato. Il forlivese ha ottenuto il secondo miglior tempo nella classifica generale sul circuito spagnolo, confermando ancora una volta le doti dimostrate nel corso del 2018. Inizialmente la sessione di test era prevista sul circuito di Yas Marina, ad Abu Dhabi, in preparazione al campionato emiro, ma problemi organizzativi ne hanno causato la cancellazione. In alternativa, è stato così organizzato un outing al Ricardo Tormo di Valencia, dove tutti i giovani driver, desiderosi di scendere in pista per l’ultima volta nel 2018, si sono ritrovati a battagliare.

Matteo Nannini ha così affrontato due giornate molto impegnative, dovendosi confrontare con vetture di Formula 4 equipaggiate in modo differente per quanto riguarda gli pneumatici. Nel campionato degli Emirati Arabi e in quello spagnolo si montano infatti le gomme Hankook, mentre nella F4 italiana si usano pneumatici Pirelli. Il giovane forlivese, come detto, ha terminato la due giorni in seconda posizione, a 0.192″ dalla vetta, ma non ha avuto rivali con gli pneumatici della casa coreana, che richiedono qualche giro in più per portarli alla temperatura ottimale.

“E’ necessario adattare la guida per sfruttare al meglio gli pneumatici, ma credo che di esserci riuscito molto bene, dato che sono stato a meno di due decimi dal primo, equipaggiato con le Pirelli, molto più morbide – afferma il pilota forlivese – Il circuito di Valencia era nuovo per me, è una pista abbastanza veloce e molto divertente, con ampie vie di fuga che permettono di sfruttare fino all’ultimo centimetro di pista per portare maggiore velocità in curva, una bella sensazione”.

La prestazione convincente di Matteo è senz’altro dovuta anche all’ottimo bilanciamento della vettura, raggiunto grazie al contributo di Luca Baldisserri, presente in questa occasione. L’intesa tra Nannini e l’ex ingegnere ferrarista si è concretizzata in un binomio che farà certamente parlare di sé nel corso dell’anno che verrà.

Il prossimo appuntamento in pista, dunque, sarà per Nannini dal 7 all’11 gennaio 2019, per la prima gara del Campionato degli Emirati Arabi Uniti. Ora sì che si inizia a fare davvero sul serio.