Ti sarà inviata una password per E-mail

Dopo la baraonda di mercoledì sera al termine del derby col Cesena, i Galletti si apprestano a tornare immediatamente in campo in cerca di un pronto riscatto. A distanza di soli quattro giorni, scenderanno infatti per disputare un vero e proprio spareggio playout in quel di Agnone, contro i locali dell’Olympia Agnonese, che seguono soltanto 2 punti sotto in classifica ed in casa hanno ottenuto una sola vittoria (il 25 novembre, 2-1 contro la Jesina).

Domenica 17 febbraio, allo stadio “Civitella” della cittadina molisana, in provincia di Isernia (fischio d’inizio alle 15:00), il Forlì non solo dovrà quindi cercare di vendicare la sconfitta subita dall’Olympia nella partita d’andata, ma anche incamerare preziosi punti per non farsi superare e magari cercare di staccare, definitivamente, una diretta concorrente nella griglia playout. La salvezza diretta non è distante, solo tre punti, ma se non ritroverà al più presto il feeling con la vittoria, per la banda di mister Protti sarà veramente difficile risalire la china.

Da smaltire, prima di della sfida molisana, ci saranno poi anche le tossine post-derby. Vedremo infatti se la partita con i bianconeri, come all’andata, oltre ai numerosi polemici strascichi extra-calcistici, possa aver lasciato il segno, soprattutto psicologicamente. L’allenatore forlivese, Stefano Protti, nega comunque fermamente che il risultato e l’epilogo di mercoledì sera abbiano maturato ripercussioni nel morale dei biancorossi. Assenti sicuri, ad ogni modo, l’infortunato Alessandro Sabbioni (per lui stagione finita) e lo squalificato Matteo Cortesi, fermato 2 turni dal Giudice Sportivo dopo l’espulsione rimediata al termine del derby.

Domani per noi sarà una gara importante, dove però in palio ci saranno 3 punti come nelle altre – spiega Protti – Chiaramente stiamo raccogliendo meno di ciò che avremmo meritato e questo al momento ci penalizza. Da Agnone dobbiamo iniziare a vincere, perché ci attendono 4 partite fondamentali: Olympia e Sammaurese fuori, intervallate da Castelfidardo ed Avezzano in casa. Fino ad allora sarà importantissimo ottenere il massimo. Ho tutti a disposizione, a parte Sabbioni e Cortesi. Da valutare Nigretti e Ferrario, reduci da infortuni, ed essendo la terza partita in 7 giorni deciderò se operare cambi nella formazione iniziale (potrebbe comunque confermare il 4-4-2 visto col Cesena, ndr). L’Agnonese tornerà domani a giocare nel suo stadio, in un campo nuovo, in sintetico di ultima generazione, che sarà inaugurato proprio in questa occasione. Se sarà un vantaggio o no non posso dirlo adesso.

Dirigerà l’incontro l’arbitro Fabio Catani di Fermo, coadiuvato dagli assistenti Carmine Castiglione di Frattamaggiore e Paolo Cipolletta di Avellino.

I CONVOCATI

2 Nigretti, 3 Gimelli, 4 Baldinini, 6 Brunetti, 7 Di Benedetto, 8 Prati, 9 Graziani, 10 Cascione, 11 Ambrosini, 12 Mordenti, 14 Mazzotti, 17 Croci, 21 Putrino, 22 Aglietti, 23 Vesi, 24 Del Sante, 30 Cenci, 31 Ferrario, 32 D’Angeli, 33 Possenti