Ti sarà inviata una password per E-mail

Accumulare esperienza, per le giovani ragazze di Polo, è un dogma, e nella sfida di Pisignano, in casa del Cervia, ne hanno sicuramente messa in cascina un bel po’, nonostante la sconfitta al tie break. Una bella partita, giocata da entrambe le parti con alti e bassi, con le cervesi dall’alto della classifica e dell’esperienza, le forlivesi vogliose invece di fare un colpaccio dopo gli alti e bassi degli ultimi tempi. Si distingue in particolare la quattordicenne centrale di Forlì Viola Giunchi che si fa notare, nonostante la giovane età, per i suoi 6 muri e 4 attacchi vincenti.

2-1 Cervia, 4° set e punteggio di 8-7 per le padrone di casa. L’alzatrice cervese, Federica Colombo, riceve una brutta palla molto attaccata alla rete e al palo. Salta per facilitare il palleggio che va sull’asta, ma, ricadendo a terra, le si gira la caviglia e cade a terra. Partita finita e Cervia non ha sostituto. Rientra in campo Magnani, in serata no, e l’ordine di coach Briganti è di far alzare i centrali in bagher. Tutto guarda con favore la Libertas, insomma, che ne approfitta e fa uno stacco in avanti. Poi rischia di rovinare il lavoro fatto e Cervia recupera, ma ormai il set è destinato a pareggiare l’incontro e si va al tie-break.

Tutto bene quindi e, causa la disgrazia alla regista delle padrone di casa, la possibilità di aggiudicarsi il match solletica le ragazze della Libertas. Proprio qui interviene però la regola dello sport e vincerà chi ci crede di più, chi dà l’anima con grinta, chi si getta su tutti i palloni, chi stringe i denti, soffre e sconfigge anche la iella. Vince così Cervia, senza la regista ma con le centrali che non sbagliano un appoggio e le attaccanti ad attaccare sicure con colpi e con pallette (usate spesso per tutto l’incontro). Mentre le forlivesi, forse stanche e meno tranquille, ci credono meno e sbagliano qualche attacco di troppo, tant’è che Cervia porta a casa la partita e prende la parte maggiore della divisione della posta.

Bella esperienza per le ospiti e bella prova di carattere delle padrone di casa, che col loro gioco semplice e lineare dalla prova di stasera dimostrano di meritare di stare nell’olimpo del girone. E anche un in bocca al lupo a Federica Colombo per una pronta ripresa, augurandole che il suo infortunio sia una cosa da poco.

Ora c’è la pausa di Natale, che servirà alla Libertas a meditare sugli errori e svuotare la mente dalle negatività, sostituendole con la consapevolezza che, se concentrate e grintose, possono mettere in difficoltà chiunque. Poi al rientro, dal 5 gennaio, le ultime tre partite del girone d’andata.

La Greppia Cervia Volley – Libertas Claus Volley Forlì 3 – 2 (25-19; 22-25; 25-21; 23-25; 15-8)

LIBERTAS – Bartolini 1, Garavini 0, Emiliani 8, Lombini 0, Campana 16, Giunchi 10, Toni 2, Pasini 9, Gallo 16, Gregori (lib.), Nanni ne, Gramellini ne. All. Polo.

Ace: Libertas 4 – Cervia 7

B.s.: Libertas 5 – Cervia 11

Muri: Libertas 12 – Cervia 8

Attacchi punto: Libertas 46 – Cervia 60

Errori: Libertas 25 – Cervia 24

Libertas: ricezione 64%  – attacco 30%

Arbitri: Camillini e Catalano di Rimini

Spettatori: 50 circa