Ti sarà inviata una password per E-mail

Terminata con un pareggio la regular season dei galletti (2-2 sul campo dell’Imolese) e quindi con il terzo posto in cassaforte, avrà inizio domani la fase finale, con la prima partita dei play off che vedrà di fronte Forlì e Fiorenzuola, quest’ ultima classificatasi quarta alle spalle dei biancorossi. Sarà una partita da dentro o fuori quella che si giocherà alle ore 17 al Morgagni, in quanto gara secca. Il Forlì dalla sua parte avrà a disposizione due risultati su tre: anche se la partita dovesse terminare in parità dopo gli eventuali tempi supplementari, non vedrebbe la sfida decidersi ai rigori ma vedrebbe qualificarsi il Forlì in virtù del miglior posizionamento in classifica.

Mister Bettini potrà contare di nuovo su un rosa quasi completa, visti i recuperi di Galeotti e Baldinini, anche  se d’altra parte mancheranno Ferraro e Boilini. Il tecnico biancorosso ha avuto modo di parlare a 360° riguardo alla settimana più affascinante di tutto l’anno. Queste le sue parole: “Abbiamo affrontato la settimana più bella e stimolante da quando sono qui. Abbiamo lavorato a lungo per preparaci a questo appuntamento, ed è ovvio che noi pensiamo solo a ciò che succede in campo. Al di la di quello che succederà una volta conclusa la stagione, siamo contenti di aver centrato questo obiettivo che dobbiamo assolutamente onorare.

Sull’eventualità che il doppio risultato a disposizione dei galletti per accedere al turno successivo si riveli un’arma a doppio taglio da un punto di vista mentale, poi, il mister afferma: “In casa non dobbiamo fare calcoli. Giocheremo la partita per vincere, perché è già come se fosse una  finale. Non dobbiamo ragionare sul punteggio, ma sfruttare i nostri punti di forza. Abbiamo un attacco molto prolifico e imprevedibile, nonché un notevole potenziale in tutti i reparti. Dovremo esaltare al meglio i nostri punti di forza.

Riguardo gli avversari, il Fiorenzuola, Bettini si aspetta di trovare una squadra organizzata: “Anche se ha fatto  meno punti nel girone di ritorno rispetto all’andata, hanno mostrato durante tutto il campionato numerosi punti di forza. Hanno un attaccante molto forte che ha segnato 16 goal, Bosio, e fanno della fase difensiva la qualità migliore, visto che hanno subito solo 32 goal.

Per quanto riguarda il futuro Il tecnico forlivese si dice grato alla società: “Non è un problema che mi pongo, quello che succederà dopo non mi interessa, penso al momento insieme ai miei ragazzi e alla voglia che abbiamo di vincere domani. Spero che la città riabbracci la squadra con entusiasmo. Conosco l’ambiente da  tanto tempo, questa è casa mia e spero che i tifosi tornino ad affezionarsi alla squadra come qualche tempo fa. Lavoro in particolar modo per questo. Spero che la gente lo percepisca.”