Ti sarà inviata una password tramite email.

La Libertas Atletica Forlì esce dal territorio romagnolo e parte per sfidare l’Emilia fino a Castelnovo Monti, situata in mezzo al verde dell’appennino reggiano, a 700 metri di altitudine, sede dei Campionati Regionali Individuali e di Società di prove multiple giovanili under 16. Le prove multiple impegnano tutto il giorno, una gara dietro l’altra, senza interruzioni, senza rimpianti. Se sbagli una gara, devi pensare subito a quella dopo; se esulti per un bel risultato, devi trattenere l’entusiasmo per non scaricare l’adrenalina.

Le ‘cadette’ fanno il pentathlon, cinque gare nell’ordine: 80 ostacoli, salto in lungo, lancio del giavellotto, salto in alto e 600 metri. I ‘cadetti’ fanno l’esathlon, sei gare: 100 ostacoli, salto in alto, lancio del giavellotto, salto in lungo, lancio del disco e 1000 metri. Ogni risultato viene rapportato ad una tabella di punteggio che determina la classifica finale dove nulla è scontato: un errore, un intoppo e il risultato finale sfuma in un attimo, per cui dalla prima gara fino all’ultima l’atleta deve essere sempre concentrato.

Il primo ad alzare le braccia sul podio regionale è Dario Collura [foto cover]. È sicuro sui 100 ostacoli, corsi in 14.28, poi infila un personale dietro l’altro di altissima qualità tecnica per un giovane appena quindicenne: 1.62 nel salto in alto, 44.05 nel giavellotto, 5.88 nel salto in lungo, 33.02 nel lancio del disco e 3.02.04 nei 1000 metri finali. Vince il titolo regionale col risultato finale di 4.264 punti che è il nuovo Primato Regionale Cadetti ed è anche la seconda migliore prestazione italiana del 2021. La sua foga agonistica trascina i suoi compagni di squadra che stravincono la classifica di società con Luca Franco, Iulian Fekete e Vittorio Argnani.

Anche la squadra femminile ha il suo fiore all’occhiello ed è Giada Donati decisa a vincere questo pentathlon, ma nella prima gara arriva l’imprevisto che non doveva succedere. Negli 80 ostacoli, abbatte una barriera, perde il ritmo e arriva come può al traguardo. Quella che doveva essere una bella partenza diventa un piccolo dramma sportivo. Dopo la prima gara si ritrova al quindicesimo posto, ma la giovane atleta forlivese, figlia d’arte, non si arrende e risalire la classifica diventa una sua sfida personale; salta 5.27 in lungo, lancia a metri 20.47 il giavellotto, salta 1.56 nell’alto e prima dei 600 metri conclusivi è terza con un divario di punti enorme dalla prima. I giochi sembrano fatti, ma per Giada i 600 metri sono una delle sue gare preferite e come era prevedibile parte come un treno, fa il vuoto dietro di se e arriva in solitaria al traguardo col tempo sorprendente di 1.37.94 e quando lo speaker annuncia la sua vittoria quasi non ci si vuole credere. Ma non è ancora finita, il suo punteggio di 3.828 punti, sommato ai punteggi di Elisa Cortesi, Margot Versari e Irene Andreasi Bassi, classifica le ragazze al secondo piazzamento a squadre, superate solo dalle fantastiche ragazze dell’Endas Cesena in una sfida regionale tutta romagnola.

Giornata memorabile per la Libertas Atletica Forlì che in una sola giornata torna a casa con due ori individuali, un oro e un argento di squadra, un primato regionale cadetti e tanti sogni nel cassetto per i Campionati Italiani Cadetti in programma nel mese di ottobre a Parma.