Ti sarà inviata una password tramite email.

La striscia di vittorie consecutive dei romagnoli si allunga e passa da tre a quattro consentendo così alla formazione del presidente Nicosanti di mantenere invariate le lunghezze che la separano dalla seconda piazza: tutto questo con una gara in meno da disputare.
1° Tempo: Alla palla due si presentano due compagini con motivazioni opposte e solo la complicità di Forlì, che pare sopita eccezion fatta per Johnson, consente a Cremona di rimanere in partita. Al 5^ minuto il punteggio è fissato sul 7 a 6, gli ospiti trovano anche il vantaggio ma il quarto si chiude in perfetta parità a quota 18 con l’americano biancorosso che guida i suoi ed è autore di 9 punti mentre, tra le file degli ospiti, si segnalano Cotton e Costi che ne mandano a referto 5 a testa. Dopo il primo intervallo la partita non cresce di livello tecnico, i romagnoli si affidano ad iniziative personali e non al gioco di squadra mentre gli ospiti che patiscono un evidente gap di talento rispetto alla prima del girone rosso, mettono in mostra buone trame di gioco e discrete individualità. I biancorossi, pur non esaltando, riescono comunque a toccare la doppia cifra di vantaggio sul 34 a 24 guidati dal duo americano e dal capitano. Al termine del quarto, il tabellone recita 43 a 32. Il secondo parziale vede anche il debutto nella partita di Daniele Magro oggetto del desiderio forlivese in questa finestra di mercato. Il centro ex Pistoia aiuta i suoi con 7 punti, chiuderà la partita a quota 8 in poco più di 16’ di gioco .
2° Tempo: La terza frazione si apre con gli ospiti che risalgono sino al -4 sul 45 a 41 grazie ad un parziale di 9 a 2. L’Unieuro riaccende i motori e ristabilisce le distanze in men che non si dica a dimostrazione della propria forza. E’ Zampini , insieme a Johnson e Cinciarini, a fissare il punteggio al termine della terza frazione di gioco sul 54 a 46. Nel parziale Allen gioca poco meno di 5’ e, anche nell’ultima frazione, guarderà i compagni dalla panchina, causa un problema al ginocchio che consiglia allo staff di non rischiarlo: ultima frazione, durante la quale i padroni di casa toccano il massimo vantaggio sul 72 a 52 che serve solo per le statistiche. Cremona si riavvicina fino al-15 ma non spaventa mai la prima della classe che trova così modo di festeggiare la Coppa Italia appena conquistata regalando minuti sul campo ai propri giovani che trovano anche punti da mettere a referto.

Unieuro Forlì: Valentini 0, Allen 9, Pollone 3, Johnson 19, Zilli 2, Cinciarini 12, Zampini 12, Pascolo 6, Radonjic 8, Tassone 4, Zillio 1, Munari 2.
Ferraroni Juvi Cremona: Shahid 8, Cotton 11, Sabatino 4, Magro 8, Timperi 2, Tortu 14, Costi 5, Vincini 9.