Ti sarà inviata una password tramite email.

La Pallacanestro 2.015 Forlì mantiene l’imbattibilità casalinga e si prepara al meglio alla supersfida di domenica prossima nel Pala Carnera che vedrà confrontarsi due delle squadre più in forma del momento come due massimi al centro del quadrato: in palio il pass per la Final Four di Coppa Italia che si terrà a Roma a metà marzo.

1° Tempo: Come il più classico dei testa coda, la gara odierna del Pala Galassi ha vissuto sul filo dell’equilibrio fino al 30^ minuto quando, addirittura, gli ospiti hanno ritrovato la leadership della contesa sul 61 a 62 dopo molti minuti di apnea. E dire che il match era stato interpretato al meglio sin dai primi minuti dai padroni di casa che, dopo un iniziale sbandamento, nei primi minuti il quintetto base di coach Martino era infatti sopraffatto di tre lunghezze, sul 6 a 9, dagli ospiti trascinati da un incontenibile Possamai, riusciva a mettere a posto le cose e chiudere la prima frazione in vantaggio di 10 lunghezze, gap costruito per i meriti difensivi dei biancorossi e grazie all’ottima vena offensiva di Johnson autore di 8 punti. Buono anche l’impatto iniziale sulla gara di Valentini che ne manda a referto 5. All’inizio della seconda frazione i biancorossi romagnoli allungano fino a portarsi sul + 16, 28 a 12. La banda Martino sembra destinata a controllare agevolmente la gara sino alla sirena finale con capitan Cinciarini che si sostituisce a Johnson ergendosi a protagonista indiscusso della contesa: nel primo tempo infatti , in meno di 6’ di utilizzo, realizza 18 punti. Le premesse però non vengono rispettate, i romagnoli soffrono oltremodo la fisicità dei lunghi ospiti e, dopo essere tornati sul + 12 grazie a Radonjic si vedono riprendere dai toscani che, guidati da Dellosto, Stefanini e Jerkovic, risalgono sino al -2, sul 35 a 33. E’ proprio il capitano a ristabilire le distanze di sicurezza fra le due compagini e a mandare al riposo i suoi sul + 7, 42 a 35.

2° Tempo: Al rientro dall’intervallo lungo la gara resta in equilibrio e, mentre per i padroni di casa l’attacco poggia equamente sulle spalle di Johnson e Allen, autori di 6 punti a testa, le fortune degli ospiti sono legate alle scorribande nel pitturato di Tilghman, autore di 13 punti.  L’americano mette in grande difficoltà la difesa forlivese che non riesce a contenerlo e lo manda spesso in lunetta. La partita è equilibrata e punto a punto e, come detto, il terzo parziale si chiude 61 a 62 per gli ospiti che accarezzano durante i 2’ dell’ultimo mini intervallo il sogno  di uno scalpo prestigioso. Al rientro delle squadre in campo, la culla si ribalta e il sogno si trasforma in incubo. Il quintetto piccolo di Martino apre un parziale di 13 a 2 inaugurato da due canestri di Allen e Valentini ai quali seguono le triple di Johnson, Pollone e Radonjic. Il gap si allarga fino alla doppia cifra di vantaggio e la gara si chiude con i ragazzi delle giovanili in campo per gli ultimi 40” del match e le tribune in festa. L’82 a 74 finale ha valenza solo per le statistiche. .

Unieuro Forlì: Allen 12, Cinciarini 24, Valentini 9, Zampini 0, Tassone 2, Johnson 20, Pascolo 2, Zilli 2, Pollone 5, Radonjic 6.

Umana Chiusi: Tilghman 27, Stefanini 11, Jonats 0, Possamai 12, Visintin 4, Ceron 0, Jerkovic 7, Raffaelli 2, Bozzetto 0,  Dellosto 10, Chapelli 1.