Ti sarà inviata una password tramite email.

Il Forlì non muore mai ed a farne le spese è stavolta il Mezzolara. La formazione di Mr. Antonioli si conferma specialista dei finali in volata, in cui riesce a prevalere ormai con una certa frequenza sugli avversari di turno, dimostrando un “animus pugnandi” notevole e soprattutto tanta determinazione e convinzione nei propri mezzi.
Con i 3 punti conquistati in classifica i Galletti restano così in scia alle formazioni di testa, allungando l’attuale striscia positiva a 4 partite (1 pareggio e 3 vittorie!).
Al Mezzolara restano invece le recriminazioni per una gara ben condotta, ma che lascia gli uomini di Mr. Togni con un pugno di mosche in mano, con la classifica (terzultimo posto momentaneo) che continua a languire di conseguenza.
Una gara che lascia l’amaro in bocca ai bolognesi, che ad un certo punto sembrava poter essere a loro appannaggio, se non per l’intera posta in palio, almeno per un pari, conclusa invece senza punti all’attivo, ma da cui trarre buone sensazioni per il prosieguo del campionato dei biancazzurri, oltre alla convinzione che il peggio sia ormai alle spalle.
La partita si è disputata sul “neutro” dello stadio “Augusto Magli” di Molinella, eletto in questa stagione sportiva campo di casa dal Mezzolara, stante l’indisponibilità dello storico terreno amico del “Pietro Zucchini” di Budrio, a causa dei lavori di rifacimento del manto erboso, da naturale a sintetico.
Il match non è certamente stato dei più memorabili sotto il profilo del gioco, anche per le condizioni del campo, dal fondo irregolare, pesante e scivoloso, nonostante il periodo senza precipitazioni, che hanno pesantemente condizionato lo sviluppo della manovra di entrambe le formazioni. A trarne maggior beneficio è stata ovviamente la squadra di casa, più abituata ad una simile situazione, anche per la tattica più attendista adottata nell’occasione.

La partita
Buon avvio dei Galletti, che conquistano subito 3 corner (senza esito) denotando immediatamente intraprendenza, voglia e determinazione a voler sbloccare il risultato. Mosole imbecca Merlonghi solo in area: colpo di testa alto da buona posizione.
La reazione del Mezzolara però non tarda però ad arrivare e dal primo corner i biancazzurri (in verde) nascerebbe il gol del vantaggio, inficiato da un netto fallo in mischia, prontamente rilevato dall’arbitro.
Il sole basso è l’avversario più pericoloso di Pezzolato, abbagliando il portiere forlivese incerto nelle uscite in diverse occasioni.
Dall’altra parte c’è ancora un’occasione per Merlonghi, il cui tiro dal limite è respinto da Malagoli.
I Galletti attaccano gli spazi non appena ne hanno l’opportunità ed al 23’ passano. Gaiola conquista e difende palla a metà campo servendo Greselin, che innesca Merlonghi in profondità. Il centravanti attende l’inserimento in area del compagno e chiude il triangolo, con quest’ultimo che dalla linea di fondo mette al centro. Duplice liscio e palla che giunge a Prestianni liberi di colpire e trafiggere Malagoli. 1-0 Forlì!
I padroni di casa reagiscono prontamente e pareggiano in 4’.
Alessandrini si libera di Masini e Casadio con un paio di finte e da sinistra mette al centro pescando la testa di Bovo, che in tuffo anticipa tutti e batte Pezzolato sul primo palo da breve distanza. 27’ 1-1!
Il Mezzolara non è però pago del risultato, continua ad attaccare e su azione d’angolo coglie un clamoroso palo con un colpo di testa in mischia.
È l’ultimo acuto del primo tempo che si chiude dopo 3’ di recupero sull’1-1.
Nella ripresa Antonioli gioca subito la carta Pecci (per Casadio) ma per 15’ non succede nulla o quasi.
Entra anche Babbi (60’, per Prestianni) ed è subito pericoloso: colpo di testa su punizione dalla sinistra con Malagoli chiamato ad una prodezza per respingere impedendo il tap in agli attaccanti.
La mossa offensiva di Antonioli è prontamente replicata da Togni, che inserisce Tzvetkov al posto di De Meio (un attaccante per un terzino), dando ulteriore vitalità al proprio fronte offensivo, col Mezzolara che diventa padrone della partita per 15’, dando l’impressione e non solo di poterla fare sua.
Drudi salva miracolosamente su Vassallo lanciato a rete, ma il gol del vantaggio dei biancazzurri è nell’aria e prontamente si concretizza.
Azione insistita sulla destra e cross al centro, dove una maligna spizzata mette fuori causa l’intera difesa forlivese. Vassallo, liberissimo sul secondo palo, colpisce indisturbato e batte imparabilmente Pezzolato.
71’ 2-1 Mezzolara!
Entrano Bonandi e Graziani (72’, per Masini e Mosole), ma il Forlì accusa il colpo e sbanda. I padroni di casa cercano di approfittarne per chiudere il conto, ma falliscono il colpo del ko!
Ancora Vassallo ne è protagonista, stavolta però in negativo. Azione insistita sulla sinistra ed ennesimo cross dal fondo, che taglia in due la difesa del Forlì, il centravanti, solissimo a 3 metri dalla porta sguarnita, batte a colpo sicuro, ma incredibilmente alza sopra la traversa, fra la disperazione generale dei compagni di tutto stadio di fede bolognese, a cui resta strozzato in gola l’urlo del gol. Errore clamoroso!
Scampato il pericolo i Galletti allora rialzano la cresta, tornando a crederci più che mai. Si entra così in “zona Forlì”, un tempo “zona Cesarini”.
Bonandi inizia a scaldare i motori: sinistro dal limite fuori, ma è all’83’ che il match vive un momento chiave.
Prima Togni toglie Vassallo per Cavina (mossa a posteriori poco azzeccata), cercando di irrobustire la difesa, poi su una ripartenza biancorossa Babbi resta a terra dolorante dopo un duro contrasto con Cestaro. L’azione, fallosa e violenta a palla lontana, è colta dal guardalinee, che sbandiera richiamando l’attenzione dell’arbitro.
Breve conciliabolo e cartellino rosso diretto per il difensore centrale del Mezzolara, che resta in 10!
Dopo 3’ di proteste il gioco riprende e sulla punizione conseguente il Forlì pareggia con Merlonghi, che trasforma magistralmente il calcio piazzato scavalcando la barriera e beffando Malagoli proteso in tuffo.
86’ 2-2!
I biancorossi però sono come uno squalo che sente l’odore del sangue e forti della superiorità numerica, oltre che gasati dalla rete del pari, non si accontentano e si riversano in avanti.
Passano 2’ ed ecco confezionato il sorpasso. Cross dalla sinistra per Babbi, con la sfera che s’impenna e sulla quale si avventa Rossi, terzino sinistro forlivese classe 2005(!), tiro al volo di collo sinistro e palla in buca d’angolo, che s’insacca dalla parte opposta! 88’ 3-2 Forlì!
Incredibile ma vero!
Il Mezzolara non ci sta, ma senza più il proprio ariete offensivo e con le forze che vengono meno, complice anche l’esperienza dei biancorossi, non riesce più a rendersi pericoloso, nonostante i 7’ di recupero concessi dall’arbitro. Così al triplice fischio finale la festa è tutta forlivese, per 3 punti d’oro sotto tutti gli aspetti.


**************************************


Mezzolara-Forlì 2-3 (1-1)
Marcatori: 23’ Prestianni (F), 27’ Bovo (M), 71’ Vassallo (M), 86’ Merlonghi (F), 88’ Rossi D. (F).


Il tabellino

Mezzolara (3-5-2): Malagoli (Cap.); Vecchio, Cestaro, De Meio (64’ Tzvetkov); Pecchia, Muro, Cavazza, Alessandrini, Chelli; Vassallo (82’ Cavina), Bovo.
A disposizione: Bisazza, D’Elia, Pellielo, Fini, Benedettini, Corsi, Russo.
All. R.E. Togni.

Forlì (4-3-3): Pezzolato; Masini (72’ Graziani), Drudi, Maggioli, Rossi D.; Casadio (46’ Pecci), Gaiola (Cap.), Prestianni (60’ Babbi); Mosole (72’ Bonandi), Merlonghi, Greselin.
A disposizione: Zamagni, Tafa, Checchi, Barbatosta, Valentini.
All. M. Antonioli.

Arbitro: Sig.ra Alice Gagliardi di San Benedetto del Tronto.
Assistenti: Sig. Roberto Lembo di Valdarno; Sig. Luca Passeri di Roma 1.

Ammoniti: De Meio, Vassallo e Cestaro (M); Gaiola, Merlonghi e Maggioli (F).
Espulsi: 83’ Cestaro (M), rosso diretto per condotta violenta; Togni (all. Mezzolara), a fine partita per proteste.
Corner: 3-7.
Recupero: 3’ e 7’.