Ti sarà inviata una password tramite email.

 

In un finale teso e non bello da vedere, l’Unieuro fa sua una partita decisiva per il primato che conferma le qualità positive di un gruppo che in questa stagione è andato oltre le più rosee aspettative. Indiscusso protagonista del match è risultato essere ancora una volta Federico Zampini, autore di 18 punti e 8 assist, compreso il canestro decisivo.

Inizia la partita e Vigevano concede un parziale di 5 punti ai forlivesi che vengono però subito agganciati grazie ai canestri di Wideman e Rossi. I biancorossi continuano a tenere il naso avanti, fino a quando allo scadere del periodo Ceron segna un canestro dalla media. Il quarto finisce in perfetta parità: 21-21.
Dopo i 2 minuti di sospensione le squadre rientrano in campo, ma non riescono mai ad allungare nel punteggio, arrivando ad un vantaggio massimo di 4 punti in favore dei biancorossi. La partita continua in perfetto equilibrio,neanche Vigevano riesce a trovare buone soluzioni per portarsi significativamente avanti. Si conclude il quarto con i padroni di casa sul +1.

Al ritorno sul parquet, smuovono il punteggio due triple, da una parte quella di Pollone e dall’altra quella di Peroni. Poi Forlì mette a segno uno dei primi parziali del match: grazie a un’ottima mira dall’arco, la compagine biancorossa sfonda per la prima volta il muro della doppia cifra di vantaggio, portandosi a +11 a 4 minuti dalla fine della frazione. Tuttavia i lombardi sono molto bravi a limitare i danni e, grazie soprattutto a Bertetti e a Wideman, ricuciono il ritardo sul finire, chiudendo il quarto solo a -2 , 65-67 per i romagnoli.

Forlì cerca di incrementare il misero vantaggio, riuscendoci alla perfezione con una buona prestazione corale: dopo tre minuti dell’ultimo parziale, grazie ai liberi di Allen e alla bomba di Valentini, gli ospiti sono nuovamente avanti sul +8. Una Vigevano attenta, però, ricuce nuovamente lo strappo grazie a due poderose triple, rispettivamente di Peroni e Wideman e sorpassa sul 79 a 76. Johnson pareggia a quota 79, la partita rimane in equilibrio fino agli ultimi tre minuti, quando la situazione diventa parecchio caotica.

Dopo l’uscita di Allen, costretto ad abbandonare il campo per un malessere, Forlì torna in vantaggio, grazie ad un canestro di Zampini e a due gite in lunetta vincenti dello stesso Zampini e Johnson. Proprio quest’ultimo è responsabile con il suo atteggiamento del putiferio scatenatosi a 9’’ dalla fine: tra pubblico sugli spalti e giocatori in campo si sono davvero scaldati gli animi. Nonostante questa situazione, Forlì espugna anche il PalaElachem di Vigevano.