Ti sarà inviata una password tramite email.

Quando si parla di calcio e si nomina la “New Team” la prima cosa che viene in mente è la squadra di Holly e Benji.

Se invece vivi a Forlì e ti diletti con il calcetto, questo nome ti evocherà sicuramente qualcos’altro, e raramente si tratterebbe di un ricordo positivo. Stiamo infatti parlando della squadra amatoriale che con questo nome negli ultimi anni ha dominato in lungo ed in largo le competizioni di calcio a 5 nella provincia.

Ho incontrato Racaru Calin Andrei, l’organizzatore della squadra, formatasi nel 2011 in un torneo di Castrocaro. La particolarità di questo gruppo è che era interamente formato da ragazzi di nazionalità romena, che ne rappresentano ancora oggi l’ossatura, anche se nelle ultime stagioni si è rafforzato con giocatori di altre nazionalità, inclusi italiani, come il portiere Nicolò Bonura.

Tra le vittorie più prestigiose, Andrei ricorda il Torneo Gandhi del 2015, quando hanno partecipato come “Pasticceria Amadori” con il supporto di Ciro Olivieri, Roberto Biserni e Massimo Altavilla affrontando squadre di altissimo livello formate anche da giocatori professionisti.

La New Team ha iniziato quindi nelle competizioni di calcio a 5, ma dal 2015 partecipa anche ai campionati di calcio a 7, con il supporto di Radu Antonenco come selezionatore. “Giochiamo a Cesena, in un campionato di livello molto alto. Abbiamo ottenuto degli ottimi risultati, vincendo le finali nazionali nel 2015 a Pesaro e l’anno scorso a Pescara. Nel 2016 siamo usciti alle Semifinali”. Il torneo, diviso in tre divisioni, è organizzato in Apertura e Chiusura, in stile sudamericano, con retrocessioni e promozioni.

Tra i membri della squadra non c’è nessuno che possa vantare una carriera calcistica di grande livello, se non qualche presenza nella 3a – 4a serie romena e nelle giovanili, ma tra i giocatori più rappresentativi c’è sicuramente il 38enne Toni Morosan, un nome che non manca mai nelle prime posizioni delle classifiche cannonieri.

La nostra forza? Ci conosciamo bene, abbiamo un bel rapporto e ognuno sa qual è il suo ruolo – racconta – a calcio a 5 possiamo giocare ad occhi chiusi, per questo siamo passati a giocare a 7. Lì la competizione è maggiore”.

Andrei è però consapevole anche dei punti deboli: “Siamo vecchi, facciamo fatica contro le squadre giovani che corrono molto, però abbiamo esperienza. Giochiamo ancora alla pari contro giocatori di serie A2 e serie B”.

Nonostante le tante vittorie, non si vogliono tuttavia definire la squadra più forte di Forlì: “Non posso dire che siamo i più forti, ci sono tante squadre in gamba”. Un rapporto di grande rispetto reciproco si è instaurato con i giocatori della Banda del Braga, con i quali si sono affrontati varie volte: “Con loro è nata una bella amicizia, anche se molto spesso in campo abbiamo la meglio noi. Hanno una sorta di complesso nei nostri confronti, non so perché. Loro sono bravi”.

Tra le rivalità sportive più accentuate c’è quella che si è instaurata al torneo estivo dei Romiti con la squadra delle “Merendes” di Riccardo “Faccio” Faraone: “La sua squadra ha sempre i migliori giocatori di Forlì e Cesena, ma nonostante questo ce la giochiamo alla pari. Due anni fa, che sono usciti in semifinale, ha detto che siamo stati fortunati” racconta sorridendo.

Attualmente la New Team è al secondo posto in campionato, ma come dice Andrei “c’è ancora tempo”. Per il futuro la squadra non ha progetti in particolare, se non quello di continuare a giocare fino a quando l’età o gli impegni familiari lo permetteranno. Le avversarie sono avvisate!