Ti sarà inviata una password tramite email.

Forlì torna alla vittoria e lo fa superando l’Umana Chiusi in Toscana per 62 a 71 giocando una partita a tratti assai poco piacevole da guardare ma facendo comunque valere il maggior tasso tecnico del proprio roster

1° Quarto:

Martino deve rinunciare a Radonich e, a partita in corso, anche a Pascolo contuso dopo uno scontro di gioco; per lui in campo solo 4’ e 50”. Il tecnico ex Fortitudo parte comunque sempre con il solito quintetto e la partita trova un autentico protagonista in Xavier Johnson che nella prima parte del parziale realizza poco più della metà dei punti totali dei suoi, 7. Gli ospiti sono sempre in controllo della gara e costringono Bassi al time out quando il punteggio recita 6 a 13. La musica dopo il minuto di sospensione non cambia e i romagnoli si spingono al massimo vantaggio del parziale sull’8 a 20. I toscani però hanno un sussulto e grazie ad un break di 5 a 1 vanno al primo mini intervallo in singola cifra di svantaggio. Al 10^ il tabellone recita infatti 13 a 21

 2° Quarto

I romagnoli paiono poter gestire la partita come meglio credono ma non riescono comunque a chiuderla. Il vantaggio lambisce spesso la doppia cifra ma le trame di  gioco paiono tutt’altro che godibili e la partita scivola via a fatica. Chiusi si spinge sino al -7 che diventerà, poche azioni dopo,-5 sul 19 a 24 sfruttando la maggior presenza a rimbalzo dei suoi interpreti. E’ Tassone ad ergersi autentico protagonista della frazione ristabilendo un cuscino di sicurezza fra le 2 compagini di 8 lunghezze. Si va all’intervallo lungo sul 24 a 32 con Pascolo che guarda i compagni mentre in panchina si sottopone ai primi trattamenti da parte dello staff sanitario biancorosso.

3° Quarto

Dopo l’intervallo lungo il canovaccio della gara è sempre lo stesso: Forlì controlla ma non riesce a scappare, Chiusi si riavvicina ma non tanto da spaventare gli ospiti e la partita pare incanalata sui binari giusti, quelli che consentirebbero all’Unieuro di portare a casa la posta in palio. Sul 26 a 36 Jerkovic trova il fondo della retina dalla lunga distanza per ben 2 volte costringendo Martino ad un time out per fermare l’emorragia. Dopo la sospensione Pollone ristabilisce le distanze di sicurezza grazie al suo unico canestro di giornata. Raffaelli, poi,  riavvicina i suoi sul -7, 37 a 41. La seconda metà del terzo parziale è tutt’altro che indimenticabile e caratterizzata da molti errori da parte di entrambe le formazioni. Al 30^ il punteggio vedrà i padroni di casa soccombere per 43 a 54.

4° Quarto

La frazione conclusiva si apre con Tassone che regala, grazie alla sua terza tripla di giornata, il + 14 ai suoi. Chiusi di nuovo reagisce e si riavvicina, questa volta sospinta da Ceron e Tilghman che si palesa in campo con tre quarti di ritardo. Sono Zilli, Allen e Cinciarini a ribadire ancora una volta la supremazia tecnica romagnola con i toscani riavvicinatisi sino al -7. Gli ospiti esultano, rispettano il pronostico e possono preparare le ultime 2 partite del girone di andata con tranquillità ma tutto questo non può fare passare in secondo piano la mediocrità della prestazione odierna.

Umana Chiusi: A.Tilghman 8, L.Possamai 6, D. Bozzetto 6, L. Raffaelli 6, A. Chapelli, M, Jerkovic 12, M. Ceron 14, N. Dellosto 2, E. Jonats 8.

Unieuro Forlì: K. Allen 15, D. Cinciarini 10, F. Valentini 4, Zampini 6, M. Tassone 9, Johnson 14, D. Pascolo, G. Zilli 10, L. Pollone 3.

Le pagelle