Ti sarà inviata una password tramite email.

Dopo le prove generali del 2019, ora si fa finalmente sul serio. Si correrà infatti nella prossima estate, tra il 4 e il 5 luglio, l’edizione 2020 del Rally delle Foreste Casentinesi, una due giorni consacrata al ciclismo off-road che fa appunto seguito al prologo dell’estate scorsa quando, sotto l’egida dell’Apt dell’Emilia Romagna, andò in scena una sorta di ‘numero zero’ dell’evento.

La macchina organizzativa, coordinata dal Gruppo Mtb Santa Sofia, è dunque ora pronta a ripartire per costruire una rassegna sportiva che, nell’idea degli organizzatori, dovrebbe diventare nel segmento MTB una delle più importanti di tutta la regione. Nelle scorse ore, poi, è stato ufficialmente ‘disegnato’ anche il tracciato previsto per la Santa Sofia Epic Race, la gara di domenica 5. Si tratta di un percorso di circa 34 chilometri, con un dislivello complessivo di quasi 1.400 metri. Snodandosi tra i territori di Santa Sofia e di Bagno di Romagna, la gara toccherà i luoghi più suggestivi della Valle del Bidente, come il Monte Altaccio, Poggio Montironi e il Prignolaia.

Già aperte le iscrizioni, al costo di 60 euro per disputare entrambe le gare, che possono essere effettuate online su winningtime.it oppure tramite bonifico bancario a favore di S.T.S. (IBAN IT58K0626070532100000001643), indicando come causale la gara a cui si intende partecipare. Copia del bonifico e dei moduli di iscrizione corredati da tutti i dati previsti dovranno essere inviati alla segreteria centralizzata all’indirizzo pedale39@gmail.com. La gara singola di sabato 4 luglio costerà 20 euro sino a giovedì 2 luglio , quindi 25 con possibilità di iscriversi in loco anche la mattina stessa. Stesso costo anche per la Santa Sofia Epic Race 2020 della domenica: iscrizione a 20 euro sino a giovedì 2 luglio, poi 25 con possibilità di iscriversi, anche in questo caso, la mattina della corsa.

Verranno premiati i primi 7 delle categorie Elite Sport, MW1, MW2, M1,M2, M3, M4, M5, M6, i primi 5 delle categorie Dilettanti ed M7 ed i primi 3 della categoria M8.

La competizione, che sarà affiliata Acsi, godrà del sostegno di molti enti del territorio, come Romagna Acque, Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna e Apt dell’Emilia Romagna. Un importante pool di soggetti pubblici e privati che, per la prima volta, riuniranno le loro forze per raggiungere un traguardo tanto ambizioso quanto possibile: trasformare la Valle del Bidente nella capitale italiana del ciclismo off-road.