Ti sarà inviata una password tramite email.

Lo Slalom Tredozio-Monte Busca, seconda prova della Coppa Romagna Slalom, organizzato dalla Scuderia Brm con la collaborazione del Racing Team Le Fonti, ha risvegliato negli abitanti del piccolo centro collinare un grande entusiasmo, mai sopito, per lo sport delle quattro ruote. Infatti, in passato era stato spesso un importante centro di passaggio del Rally Colline di Romagna, con l’ultima gara di velocità in salita disputata sempre lungo la strada che conduce a Portico che risaliva al 1987.

Così gli abitanti, con in testa la sindaca Simona Vietina e mettendo in campo la locale Pro Loco, si sono mobilitati per la buona riuscita della manifestazione, allestendo fra l’altro un grande stand gastronomico ben dotato del famoso bartolaccio, il tutto accompagnato da un allegro intrattenimento musicale. Questi sforzi sono stati giustamente premiati dalla partecipazione di cento vetture, che hanno dato vita ad una sfida ricca di emozioni, in questo evento intitolato alla memoria del pilota locale Massimo Visani. Praticamente in ogni angolo del paese spuntavano vetture di vario genere.

Al termine delle tre manche di gara, che fanno seguito a quella di ricognizione, risulta vincitore il veronese “Rope” su Formula Gloria, che realizza il suo miglior tempo nel corso del primo passaggio e viene premiato dalla moglie e dalla figlia di Visani. Secondo posto per il modenese Enzo Grimaldi, su Proto 1.0, che precede il riminese Daniele Ravaioli, su Proto 1.0, vincitore a Predappio. Quarto posto per il forlivese Paolo Sirri (Formula 3000), che brucia in volata il fusignanese Luca Mazzari (Proto 1.0), terzo a Predappio. Completano la top ten, nell’ordine, dal sesto al decimo posto, Alessandro Bertanza (Formula Ghipard), Raffaele Ferraroni (Kart Cross, primo di classe), Emanuele Cantoni (Proto 1.0, secondo a Predappio), la coppia Grazioli-Rota (Vw Polo R5, primi della sezione rally, che prevede la presenza del navigatore), seguiti da Billi-Liverani (Mitsubishi Lancer).

Fra i vincitori di classe vanno ricordati Rubens Ferrari (A112 Proto), “Merry” (Renault 5 Gt), Jacopo Ceredi (Renault Clio R3), Davide Abis (Citroen Saxo), Lanzi-Ruiu (Renault Clio), Riccardo Briganti (Fiat Punto Gt), Massimo Del Vecchio (Lancia Delta), Davide Ruggi (A112), Silvestri-Gentosi (Peugeot 106), Davide Bolognesi (Ford Sierra), Luca Bozzolan (Renault Clio), “Baetta” (Peugeot 106), mentre fra le storiche primeggiava, Franco Filippi (Lancia Fulvia Hf)

Prossimo appuntamento il 1º agosto con la Rocca San Casciano-Monte del Re.