Ti sarà inviata una password tramite email.

Giunta all’ultimo posto nella regular season di serie A con conseguente retrocessione al piano di sotto, la ‘nobile’ Cantù è ora chiamata a raccogliere le macerie e ricostruire in vista del campionato 2021/22 di serie A2. Spiragli per un ripescaggio in massima serie (si materializzerebbe solo in virtù del discusso ritorno al numero pari di partecipanti, dunque a 18 squadre) sono infatti decisamente remoti e la dirigenza brianzola non può far altro che ragionare in ottica seconda serie.

In questo quadro, la mossa iniziale di Cantù è stata quella di ufficializzare il ritorno in Lombardia di coach Marco Sodini, al quale è stata affidata la guida della San Bernardo-Cinelandia Park per le prossime due stagioni sportive. Toscano di Viareggio, 48 anni il prossimo 25 giugno, Sodini torna ad allenare in Brianza dopo tre annate vissute in Sicilia alla guida di Capo d’Orlando. Sulla panchina canturina, il tecnico ha infatti conquistato gli ultimi playoff di serie A della storia del club, nel 2017/18. Centrando il settimo posto e chiudendo la regular season con il miglior attacco del campionato, con tanto di partecipazione alla Final Eight di Coppa Italia a Firenze.

«Crediamo che Marco sia il profilo adatto a ricoprire questo incarico – ha dichiarato Roberto Allievi, presidente di Pallacanestro Cantù –. Sia per capacità tecniche che per valori morali, a mio avviso necessari per guidare la nostra squadra in questa delicata circostanza». Di riflesso, la gioia di Sodini: «Per me Cantù significa serie A, indipendentemente dal campionato che farà. Il mio entusiasmo è pari a quello del club, che vuole essere competitivo con tutti nel più breve termine. Non posso non ringraziare una società totalmente sana, che ha scelto di riporre in me la sua fiducia per questo ambizioso progetto».

Sistemata la panchina, il primo obiettivo del club è la conferma di Jordan Bayehe. Il classe ’99, camerunese di formazione italiana, già ammirato in A2 con la maglia di Roseto, ha ben impressionato anche in massima serie, ritagliandosi il proprio spazio e chiudendo il campionato in crescendo. Dovesse restare in biancoblù, andrebbe a ricoprire il ruolo di ‘5’ titolare di Sodini.