Ti sarà inviata una password tramite email.

La Pallacanestro 2.015 si attiva sul fronte mercato. Lo riportano le edizioni odierne de Il Resto del Carlino e del Corriere Romagna. La situazione fisica di Erik Rush è infatti a dir poco ballerina e il club forlivese, per potersi giocare al meglio i playoff in partenza, si starebbe guardando attorno. Il consulto effettuato nel tardo pomeriggio di lunedì a Brescia dal dottor Bonetti, infatti, ha lasciato parecchi dubbi. L’atleta svedese potrà tornare regolarmente in campo nei prossimi giorni, la sua stagione non è conclusa. Ma, per non aggravare ulteriormente la sua situazione, questa settimana non si allenerà col resto del gruppo e la sua presenza in gara 1 con l’Eurobasket Roma, sabato sera, sarebbe possibile ma tutt’altro che certa. Insomma, il rischio è di imbarcarsi in post-season senza un elemento del quintetto base del calibro di Rush, autentico ‘equilibratore’ biancorosso.

Così, come detto, la compagine forlivese proverà a correre ai ripari nelle prossime ore e ‘inchiostrare’ un nuovo giocatore entro le ore 12 di giovedì 20 maggio, termine ultimo per i tesseramenti. Tempi stretti, strettissimi. A quanto risulta, Forlì starebbe principalmente cercando un ‘4-5’, ma la caccia è a dir poco aperta e si vaglia davvero qualsiasi strada si ritenga utile alla causa. Mercato degli italiani (in tal caso, quando Rush potrà rientrare, si tratterebbe di un’autentica aggiunta al roster attuale: mica male), mercato degli americani ma anche dei comunitari (qui servirebbe ‘turnover’ con Erik nei dieci a referto): tutto può far brodo. Un occhio di riguardo lo si ha verso la serie A – più che dall’estero –, dalla quale potrebbero sbarcare elementi provenienti da squadre che hanno già concluso la stagione. E quindi, elencandole: Trento, Trieste e Treviso (già eliminate dai playoff), Brescia, Cremona, Reggio Emilia, Fortitudo, Pesaro e Varese, ma anche la neo-retrocessa Cantù. Scorrendo i roster, nomi a bizzeffe che farebbero al caso di Forlì. Al momento non trapela nulla: non resta che attendere qualche ora.