Ti sarà inviata una password tramite email.

L’Unieuro Forlì comincia malissimo e finisce male una gara nella quale non è mai stata in partita e nella quale tutti i giocatori sono parsi sotto l’effetto di tranquillanti. Troppo svuotati per essere veri. L’essersi intestarditi nel tiro dalla lunga quando non sarebbe bastata una vasca da bagno per fare canestro è una grave pecca sulla sfida di questa sera. L’Elachem Vigevano 1955 conquista gara 3 76-67 allungando la serie a domenica sera.

CINCIARINI voto 5: non bastano i suoi 13 punti col 50% da tre a salvarlo dall’insufficienza in una partita nella quale almeno per tutto il primo tempo ha sofferto la durezza della difesa asfissiante di Rossi e Peroni. Riesce nel difficile intento di subire il secondo antisportivo in fase di tiro dopo quello di gara 2. NERVOSO

VALENTINI voto 5: soffre maledettamente la difesa di Rossi che lo segue sino al bagno degli spogliatoi. Spara a salve per tutto l’incontro (1/8 da tre) e non riesce mai a mettere in ritmo i compagni. Male anche nella fase difensiva. PARTITACCIA

ZAMPINI voto 4,5: se Valentina spara a salve lui riesce a fare peggio con un pessimo 0/6 dall’arco. Poco incisivo e anche lui è parso svuotato mentalmente e fisicamente. Ci ha abituati talmente bene che una prestazione così fa parecchio notizia. SVUOTATO

TASSONE voto 4: mai in partita, falloso e mai incisivo. Esce per falli a 2’27” dalla fine senza lasciare un solo segno positivo sul match. IRRICONOSCIBILE

JOHNSON voto 6: non inganni il 24 di valutazione finale con l’ennesima doppia-doppia di stagione perché anche lui, soprattutto nel primo tempo, non è riuscito a prendere per mano i compagni, contenere gli avversari e si è intestardito nel tiro dalla lunga che mai gli è entrato. Ha sulla coscienza l’azione che dal possibile -7 ha riportato Forlì a -11 a circa 3′ dalla fine. Mette a referto numeri importanti con 19 pt. frutto di un 3/7 da due, 1/7 da tre e 10/11 dalla lunetta, 10 rimbalzi, 1 recuperata, 3 perse e 2 assist in 36′ di gioco. SOLO NUMERI

PASCOLO voto 6,5: in una Forlì totalmente impresentabile per tre quarti di gara è forse l’unico che limita i danni alla sua prestazione cercando di mettere nella contesa tutta la sua esperienza. Purtroppo non è mai coadiuvato dai compagni e finisce per essere anche lui poco utile alla causa nonostante i suoi 9 punti, 7 rimbalzi, 4 recuperi e 2 assist in 22′ sul parquet. STAVOLTA NON BASTA

MAGRO voto 4,5: gioca piuttosto poco per quello che ci si sarebbe aspettati anche alla luce di quanto visto in gara 2. Anche quel poco però è totalmente insufficiente. I compagni non riescono praticamente mai a servirlo sotto canestro e lui non riesce mai a farsi servire nelle condizioni a lui congeniali. Partita da dimenticare. FANTASMA

MUNARI voto n.g.

RADONJIC voto 6: in un clima totalmente soporifero è uno dei pochi che cerca di non farsi inghiottire da una partita inspiegabile. Si salva con un quarto periodo nel quale mette a segno due triple e 7 punti che riaccendono un minimo le speranze di Forlì. PICCOLI SEGNALI

ALL. MARTINO voto 5: nella serata che avrebbe potuto portare Forlì in semifinale e nel giorno in cui viene insignito del premio di miglior coach della Serie A2 per la stagione 2023/2024 stecca insieme ai suoi. Non riesce mai a rianimare una squadra che è parsa troppo intorpidita per essere vera. Tre quarti di gara trascorsi a distanza siderale da un avversario che si sapeva avrebbe giocato col coltello tra i denti e le mani addosso. Un incidente di percorso per lui e i suoi ragazzi ci può stare e non bisogna certo fare drammi, ma la realtà di questa sera è questa e racconta questo incidente di percorso che allunga la serie a gara 4. INCARTATO