Ti sarà inviata una password tramite email.

Dopo la tappa di Jerez, che ha riequilibrato la classifica in favore del campione in carica Marquez, la MotoGp si prepara per il weekend a Le Mans, altra storica tappa del circus. Il nuovo leader del Mondiale, dopo aver dominato l’ultima corsa, si prepara all’appuntamento desideroso di ripetere il risultato della scorsa stagione. “Abbiamo avuto un weekend molto positivo a Jerez e un test produttivo ma questa è la MotoGP e dobbiamo sempre continuare a lavorare – spiega Marquez – Le Mans può essere un GP difficile, specialmente con il meteo, quindi dobbiamo essere preparati a qualsiasi condizione. L’anno scorso sono stato in grado di vincere qui, ma ci troviamo sempre di fronte a molti avversari”.

Sembra positivo anche il compagno di squadra Jorge Lorenzo, reduce finora da una stagione horror in sella alla Honda: “Dopo un weekend difficile sono contento di poter tornare in moto senza troppo tempo tra una gara e l’altra. In passato sono andato bene in Francia, ma dovremo vedere come va questo weekend. Il test che abbiamo fatto lunedì dopo Jerez è stato produttivo e soprattutto sono riuscito ad ottenere più tempo sulla moto che dovrebbe aiutarci a capire e migliorare”. Riuscirà il #99 a redimersi in Francia? Difficile potersi aspettare molto, ma questa MotoGp non finisce mai di stupire.

Dopo il 4° posto conquistato in Spagna, positivo in ottica Mondiale, il forlivese Andrea Dovizioso si prepara invece (finalmente) ad affrontare una pista in teoria più “amica”, nella quale la scorsa stagione ha gettato al vento la vittoria per un errore personale: “A Le Mans sulla carta dovremo essere più competitivi rispetto ad Jerez, anche se lo scorso anno non è andata come avremmo voluto. Le condizioni meteo giocano un ruolo importante in Francia, dovremo gestire al meglio questa variabile. I nostri avversari saranno veloci, è importante lavorare bene per tutto il weekend. La Desmosedici ha delle caratteristiche che possiamo sfruttare in questo circuito, ma dobbiamo sistemare tutti i dettagli per massimizzare il nostro potenziale. Credo che faremo una bella gara”.

Il momento positivo sembra non voler finire per la Suzuki e il suo alfiere Alex Rins, che a questo punto va considerato uno dei piloti in corsa per il mondiale: “Gli ultimi risultati sono stati molto positivi, ma noi resteremo a terra e non ci lasceremo trasportare. Dobbiamo seguire il nostro percorso, che è quello di migliorare gara dopo gara. Sappiamo che Le Mans può essere un circuito difficile per noi in quanto è principalmente “stop and go”, ma allo stesso tempo la crescita che abbiamo fatto con la moto rispetto allo scorso anno, e la mia maggiore esperienza potrebbe essere due fattori importanti per una buona gara in Francia”.

Dopo un buon avvio di stagione, Valentino Rossi a Jerez si è dovuto accontentare del 6° posto, mentre il compagno di squadra ha conquistato il podio, proprio quello a cui punta il campione italiano in questo weekend: ”Il test di Jerez è stato abbastanza positivo e penso che possiamo provare qualcosa anche durante il fine settimana in Francia. Le Mans è una pista che mi piace molto e la nostra Yamaha di solito è competitiva. L’obiettivo è quello di avere un buon feeling, lavorare bene ed essere veloci fin dal primo giorno. Lo scorso anno abbiamo avuto un buon ritmo di gara, quindi vogliamo iniziare a lavorare da lì. Spero che il bel tempo possa funzionare per tutto il fine settimana, in modo da poter mostrare tutto il nostro potenziale. Voglio tornare sul podio e faremo del nostro meglio con la squadra”.

Valentino dovrà stare attento al compagno di squadra Maverick Vinales, che ha un buon feeling con la pista francese, avendoci anche vinto nel 2017, e che arriva da un buon momento di forma. Considerati gli ingredienti, insomma, il weekend di Le Mans ha tutte le carte in regola per regalare emozioni ai tifosi e agli appassionati. Non ci resta che attendere lo spegnimento delle luci rosse!

IL CIRCUITO

Il circuito di Le Mans, intitolato a Ettore Bugatti, è una tappa fissa del motomondiale dal 2000. Dal 2008 ha una lunghezza di 4.185 metri, e conta 11 curve. Il rettilineo principale misura 670 metri.

I piloti spagnoli hanno dominato le ultime edizioni con ben 8 vittorie (3 Lorenzo, 1 Pedrosa, 2 Marquez e 1 Viñales), ma è una pista che ha sempre portato bene anche a Valentino Rossi (13 podi con 3 vittorie).

Nella scorsa stagione Andrea Dovizioso – che conta 8 podi in Francia ma nessuna vittoria in MotoGP – è incappato in una scivolata che lo ha costretto al ritiro, finendo nel modo peggiore il promettente weekend del rinnovo con la Ducati.