Ti sarà inviata una password tramite email.

Gara complicata doveva essere, gara complicata è stata. Sul circuito romagnolo di Misano, infatti, Andrea Dovizioso non è riuscito ad andare oltre il 7º posto finale, con un piccolo ‘sprint’ negli ultimi passaggi che lo ha portato a salire prima dal 9º all’8º, quindi fino al 7º, appunto, sorpassando Jack Miller. La gara, per la cronaca, è stata padroneggiata in lungo e in largo da Franco Morbidelli, che si è preso la testa della corsa alla prima curva e poi si è rivelato assoluto mattatore fino alla bandiera a scacchi, per la prima vittoria in classe regina. Completano il podio uno splendido Pecco Bagnaia (al rientro da un’operazione) e Joan Mir, che ha superato all’ultima tornata un Valentino Rossi alle prese con il decadimento delle gomme.

In tutto ciò, notizia più importante è però indubbiamente il cambio di guida in vetta alla classifica generale. Sì, perché Fabio Quartararo è incappato nell’ennesima domenica nera – per lui evidenti ‘deficit’ a livello emotivo e dunque di gestione della gara, aggiungiamo, considerando le ultime uscite -, protagonista di due scivolate che lo hanno portato al ritiro a metà gara. Così, Dovi ha ricucito lo svantaggio di tre punti nel Mondiale, mettendo poi la freccia fino a salire a quota 76 punti, a +6 sul francese. Un sorpasso davvero importante, al giro di boa del motomondiale, che però ora è tutto da ‘imbottire’ di vittorie e podi. Ritrovando innanzitutto continuità e feeling con la Desmo. A cominciare possibilmente dal Gran Premio dell’Emilia-Romagna di domenica prossima, in scena sempre a Misano. Obiettivo: salire quantomeno in top 5, alle spalle delle Yamaha.

«È stata una gara davvero molto difficile commenta il forlivese –: partendo così indietro ho faticato molto a trovare un buon ritmo all’inizio. Non riesco ancora ad essere competitivo come vorrei con queste gomme e lo stile di guida che ho sempre adottato negli ultimi anni purtroppo in questo momento non funziona. Fortunatamente questo martedì avremo una giornata di test qui a Misano, che sarà importante per cercare di risolvere questo aspetto. Il campionato quest’anno è davvero strano e ora siamo primi in classifica generale. Voglio vedere il lato positivo dell’attuale situazione, e continueremo ad impegnarci per tornare forti nelle prossime gare. Faccio i miei complimenti a Pecco per la sua grande prestazione di oggi».