Ti sarà inviata una password tramite email.

La stagione regolare si conclude col netto nonché bellissimo successo della Pallacanestro Forlì 2.015 sulla Pallacanestro Trieste per 92-64 in un match mai in discussione grazie alla strepitosa prova dei ragazzi di coach Antimo Martino che, complice la sconfitta di Bologna all’overtime a Verona, chiudono per il secondo anno consecutivo al primo posto in classifica.

ALLEN voto 8,5: fino alla partita di Udine aveva dimostrato di avere dei mezzi tecnici ed atletici notevoli, poi ha svoltato o, per meglio dire, è decollato. Vola a canestro come una farfalla sulle vette delle dolomiti, salta come una gazzella in fuga dai leoni e dipinge basket come da tempo non se ne vedeva da questa parti. Il tutto con giocate mai fini a se stesse, ma sempre per il bene della squadra. Da fantascienza il suo canestro del 54-36 nel terzo periodo di gioco. Per lui 32′ di gioco, 20 pt. col 50% dal campo, 5 rimbalzi e 4 assist. DECOLLATO

CINCIARINI voto 8: altra prestazione da “senza età” per il capitano biancorosso che solo nel primo quarto ne mette 9 con una scioltezza da far invidia ai ragazzini. Esperienza, qualità, ma anche difesa nella sua prestazione di assoluto rilievo di questa sera. Dopo un breve periodo di appannamento è tornato e per gli avversari sono guai. Gioca 16′, 19 pt. col 75% dal campo, 4/7 dalla lunetta e 1 persa. ETERNO

VALENTINI voto 6: si infortuna dopo 10′ di gioco per un problema al polpaccio non prima però di essere entrato in partita con una tripla importantissima delle sue. In attesa di notizie dall’infermeria non possiamo che augurargli il più grande degli in bocca al lupo. SFORTUNATO

ZAMPINI voto 8: quando è in serata non ce n’è quasi per nessuno e questa sera Trieste ha avuto modo di apprezzarne le sue qualità. Gioca sempre con grande intensità e fisicità e contro i giuliani era esattamente tutto quello che serviva per spuntarla. Condisce la sua prestazione con una serata davvero ispirata ed ispirante per i compagni. Nei suoi 27′ di gioco realizza 18 pt. con 1/3 da due, 4/7 da tre, 7/8 ai liberi, 2 rimbalzi, 2 recuperate, 1 persa e 2 assist. CHAPEAU

TASSONE voto 6,5: nei suoi 7′ di gioco non produce nulla per l’attacco, ma si spende parecchio nella metà campo difensiva con un contributo importante tra la fine del primo e l’inizio del secondo periodo. Eccellente la sua palla rubata a Ruzzier che certifica la sua verve difensiva di questa sera. Rappresenta il fattore U di Forlì. UTILITA’ E UMILTA’

JOHNSON voto 9: altra serata da incorniciare per l’americano di San Diego che questa sera, al cospetto di un avversario munito di tanta fisicità, sforna una prestazione sotto le plance da star assoluta e un’altra doppia-doppia che da queste parti era diventata merce assai rara. Domina a rimbalzo, manda in tilt la difesa triestina e soprattutto fuori di testa a turno i vari Vildera, Deangeli e Campogrande che patiscono la sua duttilità, il suo atletismo ed il suo senso della posizione. Spettacolare il suo tap-in in schiacciata a 45″ dalla fine del primo tempo. Da un po’ di tempo a questa parte si è calato nella realtà di coach Martino e abbina il tutto ad una difesa che a inizio stagione era pura utopia. Resta su parquet 32′, realizza 19 pt. 22 rimbalzi, 2 recuperate, 3 perse, 1 assist e 31 di valutazione. STELLARE

PASCOLO voto 7: le non perfette condizioni fisiche di Zilli lo costringono agli straordinari e quindi resta sul parquet più di quanto inizialmente avrebbe immaginato. Ma non tutti i mali vengono per nuocere perché straordinari sono anche i suoi movimenti nel pitturato con il piede perno a farla da padrone. Giocatore dall’intelligenza sopraffina e dalle qualità fuori categoria. Preziosissimo nell’economia di squadra. Gioca 21′ realizza 5 pt. 3 rimbalzi di cui 2 offensivi, 3 recuperate e 1 persa. PERNO

ZILLI voto 6,5: questa sera il centro forlivese scaccia i cattivi pensieri e soprattutto le cattive prestazioni e fornisce un preziosissimo contributo ai suoi nella fase difensiva oltre a mostrare segni evidenti di miglioramento della condizione fisica. Buoni alcuni suoi movimenti sotto la plancia avversaria anche in occasione di canestri falliti. Questa sera la mimica facciale già dalle prime battute recitava di un giocatore più in fiducia e così è stato. Per lui 19′ di gioco, 4 pt. e 2 rimbalzi. IN RIPRESA

POLLONE voto 7: sempre preziosissimo il contributo difensivo di questo pitbull della pallacanestro di casa nostra. Martino difficilmente vi rinuncia se non per una questione di falli o di debito d’ossigeno e lui raramente tradisce le attese. Può e deve migliorare la continuità nella metà campo avversaria, ma questa sera non ce n’era davvero bisogno. Gioca 26′, realizza 6 pt. 1 stoppata, 4 rimbalzi, 1 persa e 2 assist. IMPRESCINDIBILE

MUNARI voto n.g.: 1′ per vivere un successo strepitoso.

ZILLIO voto n.g.: 1′ anche per lui in una serata fantastica per tutti.

RADONJIC voto 6: gioca decisamente meno del solito ma conquista un prezioso rimbalzo in attacco e contribuisce a far rifiatare l’MVP di serata nei rari momenti di appannamento. Per stasera non era necessario fare di più. SMINUTATO

ALL. MARTINO voto 9: con gli ultimi due successi e la concomitante sconfitta della Fortitudo in quel di Verona regala a Forlì il primo posto in classifica per il secondo anno consecutivo e questa volta con un coefficiente di difficoltà nettamente superiore. La meraviglia di questa seconda impresa è che arriva all’ultima curva con l’avversario che viene risucchiato al fotofinish. Anche stasera compie un’altra grande impresa, che non è quella di aver schiantato Trieste nel punteggio, ribaltando il -17 dell’andata, bensì aver dominato la sfida a rimbalzo contro uno degli avversari più attrezzato in questa statistica nonostante la pesantissima assenza di Reyes. MAESTRO

La partita