Ti sarà inviata una password tramite email.

Il derby parla forlivese. I ragazzi di mister Gottuso, dopo aver subito l’uno-due micidiale del Santa Sofia nel finale di prima frazione, ribaltano il risultato nella ripresa trascinati da capitan Luca Cangini Greggi, che prima serve a Daraji la rete dell’1-2, quindi sigla la rete del 2-2 al 23′. Prima di chiudere i conti con la prodezza del 4-2 finale dopo la rete del vantaggio siglata da Di Maio. Terzo risultato utile consecutivo per i biancorossi, che fa mantenere ai forlivesi il quinto posto in classifica, ultimo utile per l’accesso ai playoff, con 13 punti. Incrementando così, soprattutto, a sette punti il margine di vantaggio sulla zona playout.

Partita scoppiettante fin dai primi minuti, con le ridotte dimensioni del campo che fanno sì che le occasioni fiocchino e i due ottimi estremi difensori sono chiamati agli straordinari in più occasioni. Cassano è provvidenziale in almeno tre occasioni, ma nemmeno il suo collega Lamorgese è da meno in almeno un paio di occasioni e, quando non ci può arrivare, è il palo a salvarlo sulla conclusione di Cangini. Padroni di casa comunque più a loro agio sul terreno amico che ai punti meriterebbero il vantaggio, che si concretizza all’ultimo minuto della prima frazione grazie ad un azione personale di Badahi che salta nello stretto il proprio marcatore e con una puntata a mezza altezza piega i guantoni a Cassano. Nel tripudio del numeroso e sportivo pubblico locale, il Santa Sofia, sulle ali dell’entusiasmo, trova un minuto dopo il raddoppio con l’ex di turno Casetti, che servito al limite spalle alla porta si gira in una fazzoletto e insacca nell’angolino il 2-0.

Un uno-due micidiale prima del riposo che avrebbe affossato definitivamente parecchi avversari, ma non il Forlì di mister Gottuso. A onor del vero, subito in avvio di ripresa, i padroni di casa sfiorano due volte la rete del 3-0 con un Cassano ancora decisivo, ma poi col passare dei minuti il Forlì cresce in modo esponenziale. Con le certezze dei padroni di casa che cominciano a scricchiolare quando, al 5′ della ripresa, arriva la rete dell’1-2: azione personale di Cangini sulla sinistra, serve a centro area Daraji che deve solo appoggiare in rete. Il Forlì, ci prova in ogni salsa, ma dovrà attendere addirittura il 24′ per ribaltare punteggio e inerzia. Prima pareggia con con un tap-in di Cangini dopo che Lamorgese aveva respinto la bomba rasoterra di Benhya su punizione, poi trova il sorpasso con Di Maio che in pressione ruba palla e dal limite al volo gonfia la rete. Mister Francia ci prova anche col quinto di movimento, ma al 29′ Houthout in pressione sradica la palla dai piedi dell’avversario e premia con un bel filtrante capitan Cangini, che solo davanti a Lamorgese lo fredda per il 4-2 che chiude i conti. In pieno recupero è il grande ex Salles a far tremare la traversa di Cassano, ma è solo un piccolo spavento che precede il triplice fischio finale.

Santa Sofia – Oleodinamica Forlì 2 – 4
(p.t. 2-0)

SANTA SOFIA – Lamorgese, Mambelli, Artoum, Benci, Badahi, Casetti, Fariss, Moretti, Salles, Giunchedi, En Nassiri, Cangini. All. Francia.

FORLÌ – Cassano, Daraji, Houthout, Vittozzi, Benhya, Cirillo, Bombardi, Fabbri, Di Maio, Ruffilli, Cangini Greggi, Ragazzini. All. Gottuso.

Marcatori: 29’pt Badahi (S), 30’pt Casetti (S), 5’st Daraji (F), 23’st e 29’st Cangini Greggi (F), 24’st Di Maio (F).