Ti sarà inviata una password tramite email.

«Martedì dirò ai ragazzi di non accontentarsi, mai! Se vorremo crescere tutti insieme, singolarmente e di squadra, sarà fondamentale ambire sempre a qualcosa in più»Sta nelle parole del tecnico biancorosso, Massimo Paci, pronunciate al termine della sfida col Progresso, tutta la filosofia che accompagnerà la sua truppa all’ennesimo derby stagionale, questa volta tutto romagnolo, di domenica prossima ad Alfonsine (si gioca al “Brigata Cremona” alle 14.30).

Se prima dell’ultima vittoriosa gara interna aveva invocato lo scoccare della fatidica ‘scintilla’, con la squadra che pare averlo preso alla lettera, ecco che il mantra dell’allenatore si evolve nello step successivo: consolidare, attraverso la striscia di risultati positivi, l’autostima dei suoi ragazzi, ancora alla ricerca dell’equilibrio ideale. «Crediamo in noi stessi e nei nostri mezzi: non accontentiamoci». E ancora: «Il bel gioco non basta per portare a casa i tre punti, servono atteggiamento e voglia. Non sempre si potrà vincere giocando bene».

Concetti espressi più volte, come a volerli scolpire a chiare lettere sia nelle menti dei suoi giocatori, che in quelle di tutti coloro che ruotano intorno alla squadra, tifosi compresi, che in primis sembrano aver capito, apprezzato e sostenuto il lavoro del tecnico e della squadra. Domenica scorsa col Progresso se ne è avuta la riprova: «Il campo, che era molto allentato e pesante, non ci ha consentito di esprimerci come al solito. Abbiamo fatto fatica, ma ci abbiamo creduto e l’abbiamo portata a casa. Complimenti ai miei ragazzi per il carattere, da vendere, che hanno dimostrato». Il commento all’ultimo successo parla da sé: mister Paci sembra che stia veramente ottenendo dalla sua formazione ciò che vuole.

Analizzando per un attimo la fotografia dell’attuale classifica, si può inoltre capire ancor meglio come il gruppo biancorosso stia veramente seguendo le idee del proprio trainer. Paci infatti, fin da subito, aveva messo l’accento sulla necessità di raggiungere una buona tenuta difensiva e la sua squadra è in netto miglioramento sotto questo aspetto. Nella graduatoria dei gol subiti, i Galletti sono passati infatti dalla 12ª alla 3ª posizione, alla pari col Fanfulla, con 12 reti al passivo (fanno meglio solo Fiorenzuola con 7 e Correggese con 11) ma anche due clean sheet, dando una notevole sterzata, in positivo, al proprio andamento.

Dopo 10 giornate, per meglio capire, si può andare a dividere il cammino fatto in due segmenti di 5 gare ciascuno. Ebbene, se nel primo i biancorossi avevano subito ben 8 marcature avversarie, è soprattutto nel secondo che il ‘fatturato in entrata’ migliora sensibilmente, dimezzandosi a 4! Segno evidente che la nuova impostazione tattica voluta dal mister si sta rivelando azzeccata e che la squadra sta assimilando al meglio i dettami della fase di non possesso. Lo stesso allenatore, del resto, se n’è detto più volte soddisfatto.

Passando all’attacco, la 14ª posizione fra i reparti più prolifici, alla pari di Progresso e Sammaurese, con 11 centri messi a segno, non rende in realtà giustizia alla formazione forlivese, capace di andare in rete in ben 9 partite su 10, con l’eccezione della sfida di Fiorenzuola (miglior difesa del girone), persa per 1-0. In quell’unica occasione in cui i Galletti hanno segnato il passo, c’è però da registrare l’ingiusto annullamento, per inesistente offside, del regolarissimo gol di Filippo Baldinini, sullo 0-0, a dimostrazione comunque della capacità dei biancorossi di saper ‘far male’ agli avversari, anche in modi diversi fra loro.

Un’altra caratteristica non disprezzabile, né trascurabile, è quella d’aver mandato in gol ben 8 giocatori differenti (9 considerando il sopracitato Baldinini), con tutti i reparti a dare il loro contributo, e con 4 marcatori al loro primo centro assoluto in carriera, fra cui 2 under. Non male davvero per una squadra in costruzione, che ora cercherà il primo colpo lontano dal ‘Morgagni’, come confida Saverio Pellecchia, match winner contro il Progresso. «Ora è giunto il momento di vincere anche fuori casa: andremo ad Alfonsine per provare a sbloccarci anche in trasferta».