Ti sarà inviata una password tramite email.

Si interrompe subito al primo turno il cammino del Forlì di mister Cornacchini in Coppa Italia di serie D. In formato ‘sperimentale’, con un occhio decisamente rivolto più al campionato che ad altro, i biancorossi sono infatti stati sconfitti per 3-1 per mano di un Athletic Carpi più tonico e connesso con mente e corpo. Finendo così fuori dalla competizione nell’impegno di metà settimana. Sotto per 2-0 dopo poco più di 20′, il Forlì si è poi risollevato ed ha accorciato le distanze ma non è bastato per ribaltare il passivo. Poi ulteriormente rintuzzato dagli emiliani in una ripresa in cui i romagnoli hanno pagato anche l’inferiorità numerica per un problema fisico accusato da Buonocunto (a cambi terminati).

Carpi che parte subito forte e, costruendo diverse palle gol, passa subito al 6′: Finocchio si libera sulla sinistra, fa partire il traversone e a centro area Raffini svetta su De Gori e segnando l’1-0 per i padroni di casa. È sempre Finocchio a creare le occasioni più pericolose, come quando percorrere tutta la fascia sinistra prima di accentrarsi e far partire la conclusione che finisce di poco a lato. Il Carpi, ad ogni modo, ci crede di più e al 23′ è Calanca ad approfittare di un’incertezza difensiva: cross preciso al centro, pizzicata di Lordkipanidze e punteggio sul 2-0. Dopo aver lasciato il pallino del gioco nelle mani degli avversari per mezz’ora, i galletti trovano coraggio e al 35′ accorciano con Rrapaj, che azzecca il tiro giusto da fuori area su imbeccata di Longobardi. Il Forlì c’è, torna in campo dagli spogliatoi con la faccia giusta e il secondo tempo è all’insegna dell’equilibrio generale. Peccato che sul più bello gli uomini di Cornacchini restino in dieci con l’uscita dal campo di Buonocunto e il Carpi prenda forza facendosi vedere dalle parti di De Gori. Prima con Mignani (fuori), quindi con Calanca (a lato) e infine con Erik Ballardini, fratello del forlivese Elia, che al 72′, tutto solo, mette a segno la rete del 3-1 finale.

«Le sconfitte fanno sempre male – spiega Cornacchini a fine partita –, ma oggi volevo vedere determinate cose. La priorità resta il campionato, per questo avevo bisogno di vedere all’opera alcuni ragazzi che hanno giocato meno. Ho visto alcuni aspetti positivi, altri meno e da lì si lavora, anche se ho le idee abbastanza chiare. Il Carpi ha fatto 25′ molto veloci, poi siamo riusciti ad accorciare approfittando di un normale calo fisico avversario. Buonocunto? Ha avuto un piccolo problemino al collaterale, spero non sia nulla di grave. Faremo tutti gli accertamenti del caso».

Athletic Carpi – Forlì 3-1
(p.t. 2-1)

Marcatori: 6′ Raffini (A), 23′ Lordkipanidze (A), 35′ Rrapaj (F), 72′ Er. Ballardini (A).

CARPI – Ferretti, Tosi, Calanca, Ficola (70′ Aldrovandi), Montebugnoli, Ruci (Ballardini Er.), Bolls, Lordkipanidze (53′ Mignani), Villanova, Finocchio (53′ Mele), Raffini (72′ Minelli). All. Bagatti.

FORLÌ – De Gori, Giacobbi, Ronchi, Bandini (46′ Dominici), Manara (46′ Gkertsos), Ballardini El. (53′ Borrelli), Schirone (68′ Amaducci), Rrapaj, Buonocunto, Ndiaye (46′ Verde), Longobardi. All. Cornacchini.