Ti sarà inviata una password tramite email.

La prima gara che conta nella stagione della Pallacanestro 2.015 porta con sé anche il primo verdetto negativo. Nel derby valevole per la prima giornata di Supercoppa, Forlì si deve inchinare ai padroni di casa di Ravenna che si impongono per 66-61. Priva di Kenny Hayes (scontato: è elevatissimo il suo peso specifico nell’economia del gioco biancorosso) e Franco Flan, l’Unieuro è stata protagonista di una prestazione opaca, che la ha portata a dover rincorrere gli avversari – peraltro a loro volta privi di un americano, il lungo Lewis Sullivan – per larghissima parte dell’incontro. Mancando quindi il sorpasso nei secondi conclusivi di gara a causa di una decisione arbitrale che ha penalizzato capitan Giachetti, dopo che gli uomini di Dell’Agnello sono rientrati dal -6 al -1 in pochi possessi. Oltre alle assenze forzate, può certamente ‘chiedere’ di più dai suoi lunghi, Natali – entrato in partita soltanto nel terzo periodo ma poi ben presto uscitone nuovamente – e Benvenuti – parso fisiologicamente ancora un po’ indietro di condizione.

Forlì parte bene, ma Cinciarini e compagni rispondono colpo su colpo e al 5′ il tabellone recita 13-8, quindi il vantaggio giallorosso si dilata sino al 22-15 del 10′. Gli ospiti rientrano (28-26, 15′), Forlì si issa a quota 28 con Davide Bruttini che prima pareggia poi ridà il vantaggio agli ospiti dopo l’iniziale 5-8 del primo periodo. Quindi gli uomini di Dell’agnello allungano sul 28-32 grazie a due liberi di Natali, che dopo una partenza in sordina sembra calarsi nella partita. Si va all’intervallo lungo col 29-32, con uno dei due liberi che Gazzotti manda a referto, chiudendo il primo tempo di una partita tutt’altro che da ricordare.

Dopo un terzo periodo tutto sommato equilibrato e certamente non esaltante (37-34 al 25′, ultimo intervallo sul 44-41 Ravenna), il quarto periodo inizia sulla falsariga di tutta la gara. Vale a dire costellato di errori da ambo le parti, con i padroni di casa che sembrano far prendere dalla loro parte la bilancia della partita prima scappando sul +7 (54-47) a metà tempo e quindi toccando il +8 grazie a Denegri (60-52 a 2’45” dalla fine). I ragazzi di coach Lotesoriere si vedono però rimontare estemporaneamente dai biancorossi. Prima con Bruttini e Pullazi (i più positivi dei biancorossi), poi con Carroll e Giachetti, fino al -1 Unieuro degli ultimi secondi. Nei quali gli ospiti hanno addirittura la palla per vincere una gara che li hanno visti per larghi tratti pasticcioni e spreconi, a rincorrere.

Così, l’azione finale di una gara tirata porta sempre con sé polemiche, e quella decisiva di questa partita non è da meno. Giachetti, sino a poco prima silente, si erge a protagonista della gara. Il capitano prima riporta i suoi a -1, come detto, con una tripla estemporanea delle sue. Poi troverebbe anche il sorpasso a 28″ dalla fine, ma gli arbitri lo pescano in fallo (un ‘calcetto’ ad un avversario?) e annullano il sorpasso sul filo di lana. La gara termina così 66-61 per l’OraSì e Forlì è costretta a chinare il capo, recriminando sulle molte occasioni perse per fare sua una gara che pareva essere ampiamente alla portata. Mercoledì si torna già in campo: alle 20.30 sbarca Cento all’Unieuro Arena per la seconda giornata del girone.

Il commento di Dell’Agnello: «Abbiamo sbagliato l’approccio alla partita e nel primo quarto abbiamo permesso a Ravenna di trovare quella fiducia che poi si è portata dietro per tutta la gara. Siamo poi stati consistenti nei restanti tre quarti dal punto di vista difensivo subendo solo 44 punti, però in attacco abbiamo avuto una giornata pessima al tiro e abbiamo fatto solo 61 punti totali che sono oggettivamente pochi».

OraSì Ravenna – Unieuro Forlì 66-61
(22-15, 29-32, 44-41)

RAVENNA – Cinciarini 20 (3/7, 3/14), Tilghman 13 (1/3, 1/4), Denegri 8 (1/2, 2/4), Berdini 7 (2/5, 1/2), Oxilia 5 (2/7, 0/1), Simioni 5 (1/3, 1/4), Gazzotti 5 (2/6, 0/3), Giovannelli 3 (1/1 da 3), Giandini, Laghi ne, Arnaldo ne, Galletti ne. All. Lotesoriere.

FORLÌ – Pullazi 14 (1/3, 2/3), Bruttini 13 (4/6, 0/1), Bolpin 8 (3/5, 0/3), Carroll 7 (2/6, 1/6), Giachetti 6 (1/3, 1/2), Natali 5 (0/2, 1/4), Palumbo 4 (2/4), Benvenuti 4 (2/6, 0/2), Bandini ne, Ndour ne, Hayes ne. All. Dell’Agnello.