Ti sarà inviata una password tramite email.

24 vittorie, 2 pareggi e 3 sconfitte. E’ questo il ruolino di marcia del Ronco Edelweiss, la compagine forlivese che guida – o meglio, domina – il campionato di Promozione e, a poche giornate dal termine della stagione, è davvero a un passo da un meraviglioso ‘salto’ in Eccellenza.

Abbiamo dunque intervistato il Direttore Sportivo Marco Ricci, artefice del Ronco dei miracoli alla sua seconda vita in bianco-azzurro. “Sono tornato l’anno scorso, dopo una prima esperienza qui una decina d’anni fa. Portai la squadra in Promozione dalla Seconda Categoria, ma poi dovetti lasciare per motivi di lavoro”.

I ragazzi guidati da mister Maurizio Montalti sono al comando della classifica, con 8 punti di vantaggio sul Del Duca Ribelle, nonostante la recente sconfitta nello scontro diretto proprio con i rivali per il titolo. “Una partita nata bene e finita male – racconta il DS – Al termine del primo tempo vincevamo 2-0. Nella ripresa abbiamo preso 3 goal in 27 minuti. Non so bene cosa sia successo, ma sicuramente non è una cosa da Ronco.

Uno dei fattori che sta portando il club a ottenere questi risultati è stato sicuramente il calciomercato estivo, che ha portato in rosa degli elementi di grandissimo valore, fuori categoria, come il portiere Alex Calderoni e l’attaccante Marco Bernacci. Abbiamo fatto un mercato importante e i risultati finora ci stanno dando ragione, anche grazie all’ottimo lavoro dello staff tecnico e medico, composti da persone molto preparate. Il reparto che può migliorare? Difficile dirlo. Sicuramente molte squadre ci invidiano il nostro tridente d’attacco, che ha messo insieme quasi 60 reti.

A tenere banco in questi giorni è però l’incontro avvenuto tra la dirigenza bianco-azzurra e il Forlì Football Club, la prima squadra cittadina che attualmente arranca nelle ultime posizioni della Serie D. Un incontro per una partnership (o qualcosa di più?) in chiave futura? Ci siamo incontrati grazie a un ex dirigente che ci ha invitati per mangiare una pizza insieme. Abbiamo fatto quattro chiacchiere, non è nato niente e non è morto niente – racconta Ricci, che poi prosegue – Noi dobbiamo pensare solo al nostro campionato e, per la prossima stagione, speriamo al Ronco in Eccellenza. I dirigenti del Forlì ci hanno esposto un programma e noi abbiamo ascoltato. Se ci saranno delle novità salteranno fuori: siamo rimasti d’accordo di risentirci. Per adesso pensiamo solo al campionato”.

Quale sarà, dunque, lo scenario a cui assisteranno i tifosi nella prossima stagione? Difficile ipotizzare un’eventuale coesistenza delle due squadre in Eccellenza, se non altro perché i Galletti hanno ancora delle cartucce da sparare per salvarsi. Tuttavia, se non dovesse andare come ci si augura, allora in viale Roma potrebbero davvero prendere una decisione clamorosa e di due società ne rimarrebbe soltanto una. La vera domanda è, quale? Con che assetto societario? Non ci resta che attendere fiduciosi le novità.