Ti sarà inviata una password tramite email.

Mancava soltanto l’ufficialità per mettere la ceralacca sul trasferimento, ora è giunta pure quella: il lungo della Pallacanestro 2.015, Samuel Dilas [foto Cangini], passa in prestito fino al termine della stagione alla nobile decaduta Avellino. Sbloccati, con ogni evidenza, i problemi relativi a un ‘vecchio’ BAT con Maarty Leunen, dunque, la Scandone (a cui è tuttora formalmente legato contrattualmente, pur senza ‘operare’, anche il ds forlivese Nicola Alberani) ha così potuto sigillare un tris di acquisti (oltre a Dilas, anche Gianluca Marchetti e Silvio Stanzani) per tirarsi fuori dalle secche della zona playout del girone D di serie B.

Dopo due anni tra Forlì e (a spizzichi e bocconi) Bertinoro in doppio tesseramento col Gaetano Scirea, si interrompe così l’esperienza di Samuel in Romagna. Quest’anno, del resto, è sceso sul parquet soltanto in cinque occasioni, sempre con minutaggio ridottissimo, con l’high di 3′ in campo a Porto San Giorgio lo scorso novembre. Un solo punto, poi, messo a referto nella gara di andata con Ferrara.

«Dopo l’ufficialità della permanenza di Petrovic – scrivono da viale Corridoni in una nota –, la società si è mossa per permettere a Samuel di fare un’esperienza formativa in serie B, nell’ottica di una crescita proficua anche in ottica futura». Dilas, che ha ancora anni di contratto con la Pallacanestro 2.015 (fino al giugno 2021, a quanto pare), farà dunque ritorno a Forlì al termine della stagione.

Sul fronte mercato di serie A2, nel frattempo, da segnalare due movimenti tra le squadre della zona playoff. Il primo riguarda il reparto lunghi ravennate, con l’OraSì, da tempo in cerca di un rinforzo sotto canestro, che ha firmato il classe ’90 Stefano Spizzichini, ‘4-5′ in uscita da Napoli dove produceva 6,7 punti e 4 rimbalzi di media. Cambio di guida tecnica, invece, per l’Assigeco Piacenza, che Forlì affronterà in trasferta mercoledì 26 febbraio. Il ko di Roseto si è infatti rivelato fatale per il coach riminese Gabriele Ceccarelli (già a rischio da un paio di settimane, a dire il vero), sostituito dal ‘decano’ Alberto Martelossi, che torna così in gioco dopo l’esperienza dello scorso anno nella sua Udine.