Ti sarà inviata una password tramite email.

L’ultima fatica del precampionato forlivese, a otto giorni dalla ‘prima’ di regular season, si conclude con una vittoria che allontana le nubi sopra il cielo forlivese. Ad una settimana dalla prima palla a due di regular season, la Pallacanestro 2.015 supera infatti l’Urania Milano 98-93 dopo un overtime, al termine di una prestazione tutto sommato positiva e convincente – a maggior ragione se considerate le precedenti uscite –, in particolare nel finale. All’Unieuro Arena si respira decisamente aria di campionato ed è partita vera, verissima. Lo si percepisce dal linguaggio del corpo, dalla ‘carica’ generale, dai fischi arbitrali… dalla pausa lunga a metà match. Sta di fatto che Forlì, dopo aver combattuto alla pari per i 40′, si salva ‘in corner’ alla chiusura dei regolamentari, quindi chiude in crescendo, con più energia in corpo rispetto agli avversari (privi dell’americano Tristin Walley, già a un passo dal taglio), e conquista così un successo sofferto ma anche meritato. Con un Kenny Hayes da 26 punti, in fondo, tutto si mette in discesa.

Partenza a rilento per i biancorossi di casa, tra possessi pasticciati e diversi errori al tiro. Non che Milano faccia meglio, poiché il punteggio si sblocca dopo 2’25” di gara, ma sono gli ospiti a prendere l’abbrivio giusto. Trascinati da un Thomas incontenibile (suoi 7 dei primi 12 punti meneghini), la squadra di coach Villa si porta sul +4 (8-12) al 6’. Dell’Agnello ‘mischia’ il quintetto, fa rifiatare Hayes e Carroll e viene ripagato. Perché Bolpin porta la ‘solita’ ventata di aria fresca, Natali è in partita più che mai e al 9’ c’è il sorpasso (16-15). In apertura di seconda frazione, poi, l’Unieuro rintuzza sempre con i due: 28-24 a 13’20”. La partita, sino a quel momento vibrante e decisamente godibile, si fa poi più fisica e ‘spenta’ nella seconda metà del secondo parziale. Milano è tutta in Piunti (8 punti di sua fattura, quasi interamente dalla lunetta, dopo il 28-27 di Montano), mentre la PF trova buoni spunti da capitan Giachetti e si porta sul +6 (41-35) prima della pausa lunga.

Unieuro che rientra poi con la faccia giusta e vola sul +8 (47-39) con un buon Pullazi. Forlì che, forse sin troppo in fiducia, tende quasi a ‘strafare’ e così deve fare i conti con l’immediato rientro Urania. Villa cavalca infatti l’asse play-pivot in uscita dalla panchina, con Bossi e Paci a seminare zizzania nella difesa forlivese: 10 punti per l’ex Trieste, 5 per l’esperto pivot e Milano mette la freccia sul 53-54 (29’10”). Momento positivo che prosegue poi anche in avvio di ultima frazione, quando due bombe di Cipolla – i primi punti della sua partita – scavano un solco: 57-64, 32’45”. L’Unieuro tampona l’emorragia con Palumbo e Carroll (63-66), ma finisce per affidarsi troppo al tiro da fuori e viene punita: Bossi e Gravaghi fanno volare Milano sul +8 (63-71) a 4’ dalla fine. Dell’Agnello suona la sveglia e Forlì ha un sussulto, attaccando finalmente il ferro: break di 7-0 e l’attesa tripla di Carroll riavvicina i biancorossi (70-71, -2’40”). Ora c’è pepe, la giusta intensità difensiva e l’Urania palesa qualche difficoltà, sebbene l’Unieuro fallisca il sorpasso proprio sul più bello: 1/2 di Palumbo, 1/2 anche di Hayes ed è ‘solo’ 76-76 a 42″ dalla sirena. E, puntuale, ecco la più classica delle triple di Montano a far pendere la bilancia (76-79, -23″). Nella danza dei liberi conclusiva, a Thomas e Bossi non trema la mano, ma sul tiro della disperazione di Hayes a fil di sirena, in corsa sul lato sinistro del fronte d’attacco, arriva il fallo: 3/3 dalla lunetta, 85-85 ed è overtime.

Partenza lampo per i padroni di casa: tre canestri di Palumbo e Forlì si mantiene salda sul +4 (91-87). Milano, dall’altra parte, si rende pericolosa solo e soltanto dalla lunetta (ultimo canestro dal campo la tripla di Montano del 76-79), così la PF, con grande energia, va a nozze nel mantenere il vantaggio acquisito. Il 2+1 di Benvenuti vale il +5 (94-89) che di lì in avanti non viene più intaccato dagli assalti avversari.

Unieuro Forlì – Urania Milano 98-93
(19-18, 41-35, 55-56, 85-85)

FORLÌ – Giachetti 3, Natali 9, Palumbo 14, Bolpin 8, Hayes 26, Bandini ne, Ndour ne, Benvenuti 15, Flan, Carroll 13, Bruttini, Pullazi 10. All. Dell’Agnello.

MILANO – Piunti 15, Bossi 16, Gravaghi 5, Cipolla 6, Montano 16, Paci 10, Pesenato 8, Abega, Thomas 17. All. Villa.