Ti sarà inviata una password tramite email.

Archiviata anche con qualche rimpianto e soprattutto molto dispiacere la stagione 2019/2020, la dirigenza della BleuLine Forlì targata Libertas Volley è costantemente al lavoro per programmare la prossima stagione. Stagione che presenta ancora più di un’incognita, stagione per la quale però si intravedono le prime disposizioni della federazione in vista della sospirata ripartenza.

Un ‘restart’ che, con ogni probabilità, vedrà slittare l’inizio del campionato di serie B2 di almeno un mese. Con la Libertas Volley che si presenterà ai nastri di partenza di un campionato con un numero ristretto di squadre (12, dalle prime indicazioni) e con un raggruppamento delle città vicine allo scopo di evitare lunghi viaggi fuori regione.

Una stagione che vedrà con ogni probabilità una Libertas molto rivoluzionata nel suo organico, una Libertas ancor più giovane di quella degli ultimi anni e con tante giocatrici di proprietà provenienti dal settore giovanile e dalla squadra, sempre griffata Libertas, che ha brillamente disputato il campionato di serie C. Scelte forti ma scelte anche e soprattutto dettate da una politica societaria che vuole incentivare e promuovere di anno in anno l’enorme lavoro svolto dal proprio settore giovanile.

Se ancora non si può parlare di arrivi ufficiali, si devono purtroppo registrare le prime partenze e i primi addii della squadra che tanto bene stava facendo nello scorsa stagione. Vale a dire con un secondo posto, prima dello stop causa Covid-19, da considerare quasi come un vero e prorpio miracolo dopo quanto successo, tra adii inaspettati ed infortuni.

La prima grande novità, ad ogni modo, arriva dalla panchina: dopo otto stagioni si dividono le strade sportive di Andy Delgado e della Libertas Volley. Una scelta dolorosa, anche coraggiosa, presa dalla società. Decisione sofferta ma voluta in questo che a tutti gli effetti potrà considerarsi una sorta di “anno zero”.

Se doloroso è l’addio col coach argentino, ancor di più lo è l’addio alla pallavolo giocata della capitana Pamela Valpiani. Un’istituzione, un esempio costante in campo e fuori che dopo varie riflessioni ha deciso di dire stop. Appende le scarpette al chiodo anche colei che avrebbe dovuto raccogliere l’eredità e i gradi di capitana di Pamela stessa. Sì, perché il libero Valentina Macchi cessa l’attività di giocatrice per motivi di lavoro.

Saluta anche, dopo un solo anno in maglia BleuLine, la palleggiatrice “Sissi” Capriotti, sempre per esigenze lavorative che non gli consentirebbero di affrontare un campionato impegnativo come la serie B. Grosso punto interrogativo, infine, per un’altra veterana, Stefania Bernabè, che ha dato la propria disponibilità a proseguire il percorso a Forì ma incombe una scelta, questa volta di studi, che potrebbe portarla ad un’esperienza fuori città. Le parti si riaggiorneranno verso il mese di luglio, quando il futuro universitario di Stefania potrebbe essere più chiaro.

Tante partenza, ma anche qualche conferma. A dispetto della giovane età, Sara Stradaioli diventa di fatto la veterana della prossima stagione. Sulla via della permanenza, con ogni probabilità, anche Michela Caldara, che tanto bene ha fatto la scorsa stagione e che proseguirà in maglia Libertas il suo percorso di crescita così ben avviato. Destinata a restare a Forlì anche la giovane Sgarzi, mentre ancora in sospeso sono le situazioni di Morelli e Timoncini. La giovanissima Yabrè, invece, andrà a fare quintali di esperienza in serie C, per trovare con più continuità il campo.

Dalla stessa serie C ‘targata’ Libertas, infine, due promozioni in arrivo: Giorgia Gregori e Laura Gallo entrano con pieno merito a far parte del roster della serie B2.