Ti sarà inviata una password tramite email.

La palla a spicchi della nostra città piange una figura storica delle sue serie inferiori. Nella mattinata di martedì, a causa di un improvviso malore, si è infatti spento nella sua abitazione forlivese Mario Nazzaro, allenatore e dirigente di svariate formazioni tra gli anni ’90 e il 2000.

Nazzaro, 64 anni e assicuratore di professione, cominciò la sua esperienza nel mondo del basket con la Libertas Basket ’80, inserito nello staff tecnico forlivese da vice allenatore e poi ‘promosso’ a capo allenatore nelle successive stagioni. In seguito una puntata a Barbiano, sempre da head coach della formazione ravennate, prima di accomodarsi dietro la scrivania facendo ritorno nel territorio forlivese: general manager della ‘storica’ Idb (conducendola dalla Prima Divisione alla serie D), quindi, rivestendo lo stesso ruolo, tra le fila dell’Artusiana Forlimpopoli. Infine, anche una tappa alla Giorgina Saffi, sempre da dirigente.

Prima di tutto tifoso e appassionato, Nazzaro, nella sua parentesi da dirigente, era sempre presente in prima fila agli allenamenti delle sue squadre, con la ‘amata’ sigaretta tra le labbra. Battuta pronta, sempre pronto a sdrammatizzare in ogni occasione, era innanzitutto particolarmente attento al lato umano dei suoi giocatori prima ancora di quello tecnico. Mario, tra le altre cose, era il fratello di Massimo, fotografo ufficiale della Pallacanestro 2.015 Forlì.

LA REDAZIONE DI PIAZZALE DELLA VITTORIA SI STRINGE AI FAMILIARI DI MARIO, ESPRIMENDO LORO IL PIÙ SENTITO CORDOGLIO.