Ti sarà inviata una password tramite email.

L’Italia del softball torna a spadroneggiare in Europa. A distanza di quattro anni dall’ultimo successo (Rosmalen 2015), le azzurre, con una cavalcata a dir poco strepitosa, fanno proprio l’Europeo disputato in Repubblica Ceca, portando il bottino di allori continentali a quota 11, rendendo il softball lo sport di squadra italiano più titolato di sempre. E sono campionesse d’Europa anche tre componenti della Poderi dal Nespoli Forlì: Erika Piancastelli, capitana della Nazionale italiana, Ilaria Cacciamani e Beatrice Ricchi. Un pezzo importante del trofeo conquistato, insomma, parla forlivese.

La squadra di Obletter, del resto, ha chiuso l’Europeo di Ostrava così come lo ha iniziato. Vale a dire martellando senza sosta l’avversario di turno, che si chiamasse Turchia o, come sabato sera, Olanda e corona con merito un cammino che l’ha vista protagonista in tutta la settimana in terra ceca. A decidere la finale, vinta col punteggio di 3-2,  sono i fuoricampo di Marta Gasparotto, che firma il pareggio, e di Laura Vigna, che regala i due punti della vittoria.

Ma come l’Italia abbia meritato questo titolo continentale lo dicono chiaramente i numeri, da qualsiasi lato si guardino, attacco o difesa. Le azzurre sono la squadra con più vittorie per manifesta nel torneo (10), che ha infranto tutti i record della manifestazione in attacco con 126 punti segnati, 40 fuoricampo, con ben 8 giocatrici diverse, e 135 valide toccate. Senza parlare delle prestazioni dei singoli, su tutti proprio quelle di capitan Erika Piancastelli, miglior fuoricampista (10) e produttrice di punti (21).

Ora, ‘smaltiti’ i festeggiamenti, prima del ritorno ai rispettivi club per i playoff Scudetto e le varie coppe europee, la Nazionale italiana prenderà parte al torneo preolimpico a Utrecht, dal 23 al 29 luglio prossimi. Al torneo parteciperanno sei Nazionali europee, tra cui appunto l’Italia, e due rappresentative africane. La vincente volerà direttamente alle Olimpiadi di Tokyo 2020.