Ti sarà inviata una password tramite email.

Il cuore, la voglia, l’orgoglio bianconero. Nulla ha potuto arginare la mareggiata RBR in casa Scirea Bertinoro. Troppo il divario tecnico e fisico, acuito dalle assenze (Frigoli) e le precarie condizioni (giovedì in palestra i bianconeri erano 6…) dei bianconeri, oltretutto esacerbato da un arbitraggio anche questo ondivago, fin troppo accondiscendente sui contatti: quando Rimini ha alzato il ritmo gara “pestando” sul gas – tradotto, difesa durissima e palla a giocatori che con la C…entrano poco come Pesaresi, Bedetti Francesco, Bianchi (e mancava Rivali) – per i ragazzi di Paxson Tumidei la salita s’è fatta una capriola.

Comunque i primi 15’ di gara, disputati in un PalaColombarone pieno d’entusiasmo e correttezza, c’è stata gara. Grattacapi per Bernardi? Bertinoro, condotta da un fighter doc, Enrico Solfrizzi, difende senza timori e riesce ad attaccare lo spazio (4-0, 2’10”). Le triple di Bedetti e Bianchi – sommate alla pioggia di palle perse, in gran parte da Ricci – sciolgono presto le tensioni riminesi (6-10, 5′). Bertinoro è indemoniata, trova punti da Ravaioli e Flan (15-13, 7’) e buoni recuperi ma la risposta rivierasca è deflagrante: 0-8 di marca Pesaresi-Bianchi che mandano un preciso segnale di chiusura ad ogni speranza. Sul 15-23 si schiude il II quarto. I ritmi più blandi fanno respirare i ragazzi del Colle di Romagna che, poggiando sul granitico Enrico Solfrizzi, hanno un ulteriore sussulto (21-30). La supremazia riminese si fa sentire a rimbalzo e anche in difesa i bulloni si stringono: stavolta la mannaia cala violenta (Bedetti in contropiede fa cesto e trova fallo per il 21-35, 17′) tanto che Bracci riesce a muovere il tabellone solo a fine quarto, su rimbalzo offensivo, per insaccare il -15, 24-39.

Lo Scirea non ha perso la verve e attacca anche la ripresa ma è un’onda che batte sugli scogli (Saponi in area è una muraglia invalicabile). Il -20 è un gap toccato al 24’30” (Bianchi, 26-48) e tale resta nonostante le buone cose di Flan in regia e la voglia di non sfigurare. Il cesto e supplementare di Ricci per fallo subito (il 4° di Bianchi) al 29’, 42-56, è solo l’ultima bordata prima del dilagare RBR (42-60). Mentre gli arbitri fanno festa non sanzionando gli eccessi di fisicità ospite – fischiando però tecnici alla panchina e staff Scirea (compreso l’espulsione dello speaker) – la pochezza dall’arco castiga definitivamente i bianconeri, rendendo gioco facile alla difesa Rinascita. Termina 54-83 e sono applausi per tutti. Anche per lo Scirea, battuto ma gagliardamente mai rassegnato.


Scirea Bertinoro – RBR Rimini 54 – 83

SCIREA BERTINORO – En. Solfrizzi 4, Ravaioli 8, Ricci 7, Rossi 9, Em. Solfrizzi 3, Bracci 10, Bravi 4, Flan 9. All. Tumidei

RBR RIMINI – Bedetti 18, Pesaresi 22, Bianchi 15, Broglia 4, Ramilli 2, Saponi 8, Morra 10, Vandi 4. All. Bernardi