Ti sarà inviata una password tramite email.

Il Polisportivo Comunale “Guido Monti” della Cava ha finalmente un campo da basket rimesso a nuovo. Uno dei luoghi simbolo della pallacanestro cittadina degli anni ’80 e ’90, costantemente pieno anche d’inverno ogni fine settimana di ragazzi (ormai non più tali…) che vi giocavano e sede abituale in estate dello storico (e da chi scrive rimpianto) “Memorial Gazzoni”, torna ad avere un playground riqualificato e fruibile non appena sarà possibile.

Il Comune di Forlì ci ha messo mano rispettando una promessa fatta l’autunno scorso, ma l’impegno sull’impiantistica sportiva nei prossimi tre mesi non si esaurisce a questo, pur importante, intervento.

«Al “Monti” ora abbiamo una struttura non solo nuovissima, ma strutturalmente stabile e fruibile in piena sicurezza – spiega il vicesindaco con delega allo sport Daniele Mezzacapo -. La realizzazione di questo campetto in tempi rapidissimi è la testimonianza che questa giunta lavora per dare risposte concrete anche in un periodo come questo, di estrema difficoltà dal punto di vista operativo e di prosieguo dei lavori pubblici. Abbiamo fatto di tutto per rispettare la parola data e consegnare ai cittadini un impianto all’avanguardia. Non è il primo e non sarà di certo l’ultimo».

Il Comune si riferisce agli altri lavori in cantiere nei prossimi mesi. Il tutto, va premesso, previa sicurezza dei lavoratori delle imprese coinvolte. Forlì prova a ripartire anche dallo sport, avviando immediatamente i lavori di restauro e ammodernamento degli impianti presenti nel territorio comunale.

«Anticipiamo il più velocemente possibile i lavori che erano stati programmati proprio per cercare di immettere liquidità e aiutare le numerose imprese che saranno impegnate a lavorare nelle nostre strutture sportive che necessitano di essere ammodernate. In questo modo e così facendo, lavoreranno artigiani e imprese del territorio con una ricaduta economica notevole. La somma degli appalti è di un milione 155mila euro, soldi che torneranno in circolo e aiuteranno certamente aziende e lavoratori». Si tratta di un anticipo rispetto ai sette milioni che il Comune investirà complessivamente sull’impiantistica cittadina per renderla in grado «di ospitare i più importanti eventi regionali e nazionali».

Mezzacapo afferma che «nel nostro piccolo ci stiamo provando: le misure individuate non necessitano di particolari modifiche delle norme vigenti e ciò può favorire una ripartenza dei cantieri in tempi rapidi. Così da giugno daremo il via a questa spinta intrapresa in tutta fretta in questi giorni mantenendo comunque ferma la cornice generale del Codice dei contratti pubblici». E in autunno la città potrebbe rivedere un patrimonio di luoghi dello sport ammodernato.