Ti sarà inviata una password tramite email.

Nella quarta giornata della fase a orologio arriva la prima sconfitta interna per i biancorossi dal lontano 28 dicembre 2019. A passare sulle tavole dell’Unieuro Arena è quella che a tutti gli effetti può essere definita la bestia nera dei romagnoli in questa stagione. L’Apu Old Wild West passa per 74-83 e aggancia i romagnoli a quota 8 in classifica complicando, e non di poco, la loro rincorsa ad uno dei primi due posti della graduatoria.

Rush 5,5. Lo svedese soffre come i suoi compagni la fisicità degli avversari, combatte per quasi 29’, realizza 8 punti, raccoglie 9 rimbalzi e regala 4 assist ai suoi. Non una partita positivissima in attacco ma nemmeno così negativa

Giachetti 7. Dopo l’espulsione di Roderick, il capitano si carica compagni e palazzetto sulle spalle e riporta tutti dentro una gara che sembrava ampiamente indirizzata. I suoi punti nel quarto conclusivo trascinano la squadra sul -2, al 40’, ne manderà a referto 15 insieme a 4 assist e 7 falli subiti. L’ultimo a mollare.

Campori sv. Gioca 3’26” nella prima frazione, della partita non demeritando per impatto difensivo ed energia profusa sui 28 metri. Al rientro dopo l’intervallo lungo sparisce dalle rotazioni del proprio allenatore.

Natali 5,5. È suo il canestro del -2 a poco più di 5’ dalla sirena finale che illude i suoi. È sua anche una delle poche triple mandate a bersaglio dai biancorossi nel secondo tempo. Soffre e non riesce ad incidere come avrebbe voluto in una partita in cui calca il terreno di gioco per meno di 20’.

Bolpin 6,5. Quasi 33’ per l’ex Latina, 18 di valutazione, 14 punti, 6 rimbalzi, 3 recuperi e 3 falli subiti. Il suo primo quarto è da incorniciare. Lo chiude con 11 punti cantando e portando la croce, poi però cala alla distanza.

Landi 5. Non riesce a dare continuità alla prestazione scintillante di Torino, soprattutto nel fondamentale che sino ad ora non aveva mai tradito il potentino. L’1/5 da 3 rappresenta uno dei motivi per cui Forlì non riesce ad avere la meglio sui bianconeri. In 31’21” chiude con 9 punti, 6 rimbalzi e una palla persa.

Rodriguez 5. 15’ in campo, -8 di plus minus e 0 di valutazione complessiva. Sporca il tabellino di una partita incolore con una conclusione da 3 durante il primo quarto, poi si lascia fagocitare dalla fisicità della difesa friulana.

Bruttini 6,5. Durante il massimo sforzo biancorosso per riaprire una gara difficile, lui e Giachetti sono protagonisti. Oggi però ha sofferto come mai in questa stagione. Chiude comunque la gara con 12 punti, 4 rimbalzi e 5 falli subiti in 24’38”.

Roderick 4. Prima dell’espulsione, arrivata oltre la metà del terzo quarto, non è che le cose stessero andando tanto meglio. In 20’ abbondanti aveva sofferto le difese (Nobile lo ha fatto ammattire), raccolto 8 punti in attacco e 7 rimbalzi, subito 4 falli e perso 5 palloni. Insomma, con gli esterni di Udine non corre sicuramente buon sangue. Ma lasciare una squadra in difficoltà senza un punto di riferimento in attacco per futili motivi, come le proteste nei confronti della terna arbitrale, rappresenta un’aggravante.

All. Dell’Agnello 5. Le prova tutte senza trovare il bandolo di una matassa difficile da sbrogliare. Quando poi il suo alfiere lo lascia solo in mezzo alla tempesta, la squadra reagisce e questo rappresenta un ottimo viatico per le prossime partite nelle quali si giocherà qualcosa di importante. La cattiva serata in attacco dei suoi gli regala la prima sconfitta interna dal 2019.

LA PARTITA

GLI SPOGLIATOI