Ti sarà inviata una password tramite email.

Alla decima uscita stagionale rallenta la corsa della Pallacanestro 2.015, che paga pegno a una Pistoia apparsa più cinica e ‘sul pezzo’ una volta giunti alle battute decisive della gara del PalaTerme. L’allegra accoppiata Fletcher-Wheatle, nell’ultimo periodo, ha fatto valere tutta la propria fisicità e precisione al tiro

Rush 6,5. Primo tempo giocato con la solita verve (10 punti) dall’ala ex Ferrara, che manda i suoi al riposo sul +9 grazie a un canestro frontale dall’arco. Nella seconda parte della sfida si spegne un po’ come tutto il resto dei compagni, ma rimane pur sempre uno degli ultimi a mollare. 15 punti in quasi 30′ di impiego.

Giachetti 5. Poco più di 23′ in campo, 4 punti e una strana mancanza di personalità nei momenti che contano. Il capitano rifiuta una tripla aperta in transizione, a metà del terzo quarto, in maniera inspiegabile e trasforma un possibile allungo in una palla persa. Una delle poche partite giocate in maniera insufficiente in questo inizio di stagione.

Campori 6. Il suo impatto fisico sulla difesa biancorossa si fa sentire quando viene chiamato in causa. Cattura anche un bel rimbalzo offensivo. Diverse belle cose in un primo tempo giocato col piglio giusto, però, non sono abbastanza a far sì che il #7 biancorosso si ritagli spazio anche nella ripresa.

Bolpin 6. La sua fisicità gli consente di non soffrire, anzi di mettere in difficoltà, gli esterni dei padroni di casa. Gioca un primo tempo volitivo e sul pezzo. Sporca il tabellino, ma nel secondo tempo non riesce a replicare quanto di buono messo in mostra nella prima parte di gara, anche a causa dell’impiego limitato.

Landi 5. Quasi 26′ sul terreno di gioco, 8 punti e 3/9 dal campo. Quando la partita contava, però, manca colpevolmente e, da un componente del suo livello, ci si aspetta di più.

Dilas 6. Vista anche l’assenza di Natali, Dell’Agnello gli regala per la seconda volta consecutiva il quintetto di partenza e lui inizialmente non sfigura. Voto di incoraggiamento.

Rodriguez 5,5. 4/9 dal campo in 21′, una fiammata e poco altro: questo il fatturato giornaliero dell’ex Roseto. Deve assolutamente crescere per rendersi utile maggiormente alla causa, sui due fronti di gioco. In difesa soffre a più riprese Saccaggi.

Bruttini 6,5. 17 punti in meno di 28′, gioca la solita partita solida ma sbaglia inaspettatamente qualcosa di troppo nel pitturato avversario. Resta comunque il faro offensivo di una squadra che sa sempre dove andare quando si trova in difficoltà.

Roderick 6,5. ‘Doppia doppia’ d’ufficio, da 20 punti e 14 rimbalzi, ma non sorprende più di tanto. Per l’occasione, però, il #34 di Dell’Agnello forza alcune conclusioni durante il terzo quarto per cercare di risolvere e risollevare la sua partita e quella dei compagni più in solitaria rispetto al solito. Attacca meno il ferro rispetto a quanto potrebbe e il 7/19 al tiro rispecchia tutto ciò.

Dell’Agnello 5,5. Dopo 10 vittorie arriva la prima sconfitta, e non rappresenta certo un male. Il modo in cui è arrivata lascia però il fiele in bocca. La squadra è parsa sul pezzo come sempre, ma al PalaTerme non è sembrata cinica come in altre occasioni. Intendiamoci: l’avversario era sicuramente di livello e il ko ci sta. Ma il coach toscano e i suoi ragazzi potevano fare di più per portare a casa i due punti.