Ti sarà inviata una password tramite email.

Gli uomini di coach Dell’Agnello centrano la seconda vittoria esterna dell’anno e lo fanno  giocando una partita da non ricordare, sfruttando la maggior fisicità e profondità del loro roster. La gara si conclude 58-71 per gli ospiti, che grazie a questo risultato potranno preparare al meglio lo scontro al vertice della settimana prossima, quando a far visita ai biancorossi sarà l’imbattuta Givova Scafati.

Giachetti 6,5. Il capitano gioca 21’44”, realizza 6 punti, recupera 3 palloni e raccoglie 3 rimbalzi. Si applica difensivamente sugli esterni gialloneri e nel momento caldo del terzo quarto trova una tripla importantissima per i suoi. Inusuali per lui l’1/2 ai liberi con cui chiude la sua prestazione.

Natali 5. Nicola non incide offensivamente sulla gara che chiude con 0 punti, 1 tiro preso dal campo, 3 rimbalzi, 1 palla persa in 20’. Piccolo passo indietro rispetto nel buon avvio di stagione.

Palumbo 5,5. 24’30″ di luci ed ombre. Parte molto bene, ma nel finale rischia ampiamente di ridare speranza ai padroni di casa. 8 punti, 7 rimbalzi, un recupero ma anche 6 palloni buttati al vento. A inizio match, importante la sua fisicità sul fronte offensivo.

Bolpin 6,5. Riccardo rimpingua il tabellino – fino ad allora molto scarso – solo nel finale, ma la sufficienza gli è dovuta soprattutto per la prestazione difensiva che da metà del terzo quarto in poi garantisce su Sabin. Il quale, dopo aver portato i suoi al comando della gara, si ferma anche grazie alla cura che il #13 gli riserva. Chiude la gara con 5 punti in quasi 24′ e un plus-minus di 23 che parla da solo.

Hayes 8. 28 punti, 26 di valutazione, 5 rimbalzi, 2 assist ma anche 4 perse. Nei 29’ che sta in campo appare chiaro che per le fortune di Forlì le sue prestazioni offensive saranno determinanti. Oggi si è messo in proprio più spesso del solito, ma lo ha fatto quando sì è reso conto che altrimenti la squadra avrebbe rischiato una brutta figura. In serata di grazia.

Benvenuti 5. Uscito per falli dopo meno di 15’ di utilizzo, è parso tutt’altro che ispirato, anche contro lunghi ai quali, grazie al suo fisico, dovrebbe ‘mangiare in testa’. Chiude la contesa con 5 punti, 2 rimbalzi, un recupero e 2 palle perse.

Carroll 5,5. Parte seduto in panchina, non incide granché su una partita in cui la sua squadra avrebbe bisogno del suo contributo offensivo. Alla sirena avrà 4 punti, frutto principalmente di una conclusione da dietro l’arco che, se pure importantissima, è rimasta isolata. Raccoglie 3 rimbalzi e soffre da matti in difesa nei 21’21” che resta in campo. A sua parziale discolpa, i due soli allenamenti che ha svolto con la squadra in settimana.

Bruttini 6,5. Meno di 20’ per Davide, ma la sua prestazione è qualitativamente importantissima per la vittoria biancorossa. Lambisce la doppia cifra per punti, raccoglie 7 rimbalzi e gioca la parte finale della gara con 4 falli. L’Unieuro si aggrappa a lui e a Giachetti – oltre che ad Hayes – per rientrare in partita da un pericolosissimo -7 a metà del terzo parziale.

Pullazi 6. L’ex Bergamo parte benissimo ma non riesce a trovare continuità nella partita. Gioca 24’21”, realizza 6 punti (tutti nella prima parte), raccoglie anche 6 rimbalzi, ma con lui in campo la squadra regge. Il 12 di plus-minus e il 7 di valutazione ne sono conferma.

All. Dell’Agnello 6. In una gara esterna non è mai facile avere la meglio sugli avversari. Per l’occasione il coach ha letto la partita nella maniera corretta e l’ha interpretata ancora meglio. Fermando la gara nei momenti di difficoltà della sua squadra e richiamando i ragazzi ad una maggiore attenzione. 

Foto Cesare di Sanno