Ti sarà inviata una password tramite email.

Accantonato il sogno del ripescaggio in massima serie, la dirigenza della Scaligera Verona dedica ora mente e corpo alla costruzione del roster per il prossimo campionato di serie A2. Un roster che sarà ugualmente competitivo e pronto a mettere nel mirino le zone alte della classifica, come testimoniato dalla conferma (nell’aria da settimane) dell’espertissimo Guido Rosselli.

Scaligera Basket comunica di aver ridefinito il contratto in essere con l’atleta Guido Rosselli che continuerà a vestire la maglia della Tezenis Verona anche nella stagione sportiva 2020-2021. Rosselli, nato il 25 maggio del 1983, nella prima stagione gialloblù ha totalizzato 24 presenze con una media di 28 minuti, 9.5 punti e 4.8 assist.

«La nostra volontà è quella di ripartire dal maggior numero di giocatori dello scorso campionato, un gruppo che aveva dimostrato affiatamento in campo e fuori – ha commentato il vicepresidente, Giorgio Pedrollo –. Dobbiamo ringraziare i giocatori, in questa occasione Guido, che hanno capito il momento economico generale. La decisione di proseguire assieme è stata valutata positivamente da entrambe le parti senza esitazioni perché la volontà è quella di completare un percorso condiviso assieme ed iniziato lo scorso campionato, con grande attaccamento alla maglia, ai colori ed ai tifosi di Verona».

«Anch’io sono contento di proseguire con la Tezenis Verona – ha aggiunto Guido Rosselli –. Ho sempre avuto la sensazione di aver lasciato un lavoro a metà, ancora da completare: abbiamo un obiettivo comune e lavoreremo per questo. Mi ha fatto molto piacere vedere la serietà della società, dimostrata anche negli ultimi giorni, che ha valutato attentamente la situazione creatasi senza farsi prendere da facili entusiasmi. Questo fa capire che c’è una società seria, proprio di questo c’è bisogno nella pallacanestro italiana. Per il prossimo anno, ripartire da un gruppo consolidato sarà qualcosa di importante, un punto di partenza con base e qualità. Spero che la situazione generale, legata al Covid-19, migliori ancora in modo da poter giocare con la presenza dei tifosi, sia in trasferta che in casa».