Ti sarà inviata una password tramite email.

Forlì esce distrutta dal confronto con Latina. Ancora priva di Hayes e con Benvenuti out per tutto il secondo tempo, la Pallacanestro 2.015 si imbatte nella seconda sconfitta consecutiva – probabilmente nella peggior uscita dell’epoca Dell’Agnello, in quanto a (non) continuità nei 40′ – ed esce tra i fischi dei propri tifosi. Contro il peggior attacco del campionato di A2, è una debacle totale e assoluta per i biancorossi, che, dopo aver rimesso in sesto (+8 a inizio ultimo quarto) un primo tempo decisamente con più bassi che alti, si fanno completamente ‘ribaltare’ dai pontini di coach Gramenzi nell’ultima frazione. Concedendo loro, cioè, la bellezza di 33 punti e stendendogli un tappeto rosso verso i due punti. Difesa sott’acqua dinanzi all’intensità avversaria, responsabilità offensive che latitano: Latina si impone 77-66, ‘confermando’ così il quarto posto forlivese in classifica. Al termine della partita, si alzano forti i cori e i fischi dalle tribune dell’Unieuro Arena, mentre sul parquet si assiste sbigottiti alla disfatta.

Partenza a rilento per i biancorossi, che si affidano a conclusioni da fuori (0/3 nei primi 3′), trovano il primo canestro dopo 2’20” e subiscono i frizzanti esterni pontini. Con 8 punti consecutivi di Durante, a corollario di un break complessivo di 3-12, Latina vola così facilmente sul +9 (5-14, 5’25”) e quindi anche sul +11 (7-18). Forlì è in un abisso, non sa a che santo aggrapparsi – innanzitutto offensivamente, ma anche in difesa non va granché meglio – e continua a concedere terreno. Trovando punti da tutti gli otto effettivi utilizzati da Gramenzi nel primo quarto, così, Latina trova il +12 (12-24 al 10′). Chiudendo un minimo i battenti nella propria metà campo – ma anche grazie a ripetuti erroracci avversari –, Forlì ci mette una pezza in avvio di seconda frazione (18-24) trovando Bruttini. Peccato che sia un barlume e nulla più, perché ancora tante sbavature danno nuova linfa agli ospiti a metà periodo (22-30), con qualche mugugno che si alza dalle tribune dell’Unieuro Arena. In uscita dal timeout, l’Unieuro trova canestri preziosi dall’arco con Bolpin e Pullazi (30-33), il momento pare propizio per il clamoroso aggancio, ma ancora un paio di ‘dormite’ difensive caricano la Benacquista Assicurazioni, che trova il +6 prima della pausa lunga.

Il secondo tempo comincia ancora in salita, con Benvenuti fuori per infortunio: si accomoderà in panchina col ghiaccio sul ginocchio destro e non farà più rientro in campo. Sta di fatto che Forlì, lasciando appena 2 punti agli avversari in 6′ e ‘comandata’ da capitan Giachetti, mette la freccia con un break di 6-0: dopo 25’20” di gioco, ecco il primo vantaggio casalingo sul 39-38. Terza frazione che si conferma poi positiva per i biancorossi (solo 8 punti concessi agli avversari), che continuano a menare le danze (44-40) e quindi allungano fino al +8 con Bolpin (52-44) a inizio quarto quarto. Seppur tutt’altro che brillante, la Pallacanestro 2.015 pare ora ‘in partita’, sul punto di avere definitivamente la meglio di una Latina mai doma. Pare, appunto, perché in realtà negli ultimi 10′ di gioco una bufera si abbatte sugli uomini di Dell’Agnello. In un amen, infatti, gli ospiti impattano (52-52, 33’15”), rinvigoriti da una tripla di Radonjic allo scadere dei 24″, quasi da metà campo. Quindi è il solo Giachetti a provare a tenere a galla i suoi (55-52), perché i nerazzurri ora sono in fiducia, trovano praterie, tra gli innumerevoli possessi gettati al vento da Forlì (ben 7 nell’ultimo quarto), e volano via volando sul +9 (55-64) a meno di 4′ dalla fine. Attaccando il ferro, ‘giocando’ con la difesa forlivese, Latina costruisce così un gap sostanzioso con un incredibile break di 3-20. Inerzia completamente tra le mani dei pontini, che hanno poi vita facile, negli ultimi minuti di gara, ad amministrare.

Unieuro Forlì – Benacquista Latina 66-77
(12-24, 30-36, 49-44)

FORLÌ: Giachetti 12 (4/8, 1/3), Natali 2 (1/2, 0/3), Palumbo 4 (0/3 da 3), Bolpin 13 (3/3, 2/3), Hayes ne, Sampieri ne, Ndour, Benvenuti 2 (1/1), Carroll 17 (3/5, 3/12), Bruttini 6 (1/1), Pullazi 10 (2/4, 2/6). All. Dell’Agnello.
Tiri da 2: 15/24 (63%) – Tiri da 3: 8/30 (27%) – Tiri liberi: 12/14 (86%) – Rimbalzi: 32, offensivi 6 (Palumbo 8) – Palle perse: 19 – Recuperi: 9

LATINA: Durante 8 (2/3, 1/2), Lautier-Ogunleye 6 (2/4, 0/2), Passera 1 (0/1, 0/1), Veronesi 11 (1/2, 3/4), Mouaha 11 (5/8), Henderson 14 (4/7, 0/3), Bozzetto 5 (2/4, 0/3), Radonjic 11 (1/4, 3/6), Fall 10 (5/5, 0/2), Ambrosin ne. All. Gramenzi.
Tiri da 2: 22/38 (58%) – Tiri da 3: 7/23 (30%) – Tiri liberi: 12/18 (67%) – Rimbalzi: 34, offensivi 8 (Fall 9) – Palle perse: 14 – Recuperi: 12