Ti sarà inviata una password tramite email.

Dopo tre sconfitte consecutive tra prima fase, Coppa e seconda fase, la Pallacanestro 2.015 torna a brillare e ritrova l’appuntamento coi due punti. La trasferta di Udine era da dimenticare e i biancorossi hanno dimostrato di averlo fatto, dominando in lungo e in largo per 30’ Tortona – che domenica scorsa ha superato Scafati – e conquistando una meritata vittoria per 83-71. Un successo che certamente avrebbe potuto essere anche ben più ampio, considerando il +25 del 33’ e gli ottimi spunti mostrati in precedenza. Come un rullo compressore, Forlì ha saputo imporre il proprio ritmo sin dai primi passaggi del match, facendosi valere sotto canestro (anche se Tortona ha pur catturato 16 carambole offensive…) e imponendo la maggior fisicità rispetto alla Bertram. Con grande continuità, in particolare, fatto salvo per gli ultimi minuti, quando l’Unieuro ha fisiologicamente alzato il piede dall’acceleratore a gara già in ghiacciaia. Cinque uomini in doppia cifra, ancora ottimi segnali da Bolpin, il pianeta Natali torna a illuminarsi: con queste premesse, domenica prossima a Torino ci sarà da divertirsi.

Partenza ‘full gas’ per Tortona, che si porta sullo 0-5 con Severini e Cannon e costringe l’attacco forlivese a gettare al vento diversi possessi. PF che trova i primi punti della sua partita con Rodriguez: prima dalla lunetta dopo 3’05, quindi dal campo dopo 3’25 per il 5-5 iniziale. A 4’40”, poi, l’Unieuro trova il primo vantaggio della partita con Natali (9-8), che all’improvviso diventa incontenibile: 10 punti consecutivi dell’ala ex Varese e Forlì centra il +4 (17-13). Momento positivo che non si conclude certo qui, perché Forlì sigilla nel complesso un break di 12-0 per un gap in doppia cifra (23-13). Tortona, dall’altra parte, è continua dall’arco, ma il pressing difensivo è spesso sin troppo soft e i biancorossi di casa ci sguazzano, arrivando a toccare il +11 (28-17) con Bolpin in arco a fine prima frazione. Gli uomini di Dell’Agnello si fanno valere sotto le plance, tutti sono coinvolti sul fronte offensivo (2 Rush, virgola Roderick, tra l’altro, nei primi 10’) e l’ottimo momento prosegue anche a inizio seconda frazione (Campori dall’arco, 33-17, 11’). Alla lunga, però, bisogna fare i conti con un po’ di appannamento. I piemontesi, così, ritrovano la retina dalla lunga distanza (5 triple in 13’), mettono sabbia negli ingranaggi avversari alzando il quintetto e, con una ‘sana’ difesa a zona, accorciano fino al -8 (38-30). Nel mezzo, anche il primo punto della partita di T-Rod (1/2 ai liberi a 16’45”), che prima della pausa lunga sale poi in cattedra contribuendo al nuovo allungo casalingo. Forlì non ha infatti intenzione di rovinare quanto di buono costruito e monopolizza gli ultimi 2’20” del secondo quarto con un parziale di 9-0 che vale il +17 (47-30).

PF che non si lascia sorprendere nemmeno al rientro dagli spogliatoi, nonostante l’immediato terzo fallo di Landi. Tre triple consecutive di marca biancorossa (due Roderick, una Rodriguez), quindi Rush sigilla il +24 (58-34) a 22’30”. E dire che Tortona apparirebbe anche attiva e reattiva, conquistando una buona dose di rimbalzi offensivi (5 in nemmeno 3’) che però non riesce mai a capitalizzare. Gli uomini di Ramondino riescono infatti a rendersi pericolosi soltanto dalla lunetta, col primo canestro dal campo del secondo tempo che arriva dopo 4’05” di gioco. Forlì continua invece a menare le danze e non ha intenzione di mollare la presa Nuovo break, questa volta di 10-0, e Giachetti e compagni hanno la vittoria in tasca sul +32 (68-36), massimo vantaggio della gara, a 26’50”. Il computo al tiro di fine terza frazione, del resto, è impietoso: Unieuro che tira col 56% dal campo, la Bertram appena col 26%. A inizio ultima frazione, sotto di 28, Sanders si carica sulle spalle i suoi e tenta di tirarli fuori dalle secche segnando 10 punti di fila (75-53). I compagni lo seguono e un break di 0-12 è confezionato: 75-62 con 3’20” ancora sul cronometro, con gli ospiti che respirano ancora un filo di speranza. Rodriguez non ci sta e prima in entrata, quindi dall’arco, rispedisce al mittente ogni velleità (80-65). Nel finale, con Mascolo, Tortona si avvicina soltanto fino al -11.

Unieuro Forlì – Bertram Tortona 83-71
(28-17, 47-30, 68-43)

FORLÌ – Rush 7 (2/3, 1/5), Giachetti 2 (1/2, 0/1), Campori 3 (1/1 da 3), Natali 12 (3/5, 2/4), Bolpin 10 (2/3, 2/3), Landi 10 (2/3, 1/2), Dilas, Bandini ne, Ndour ne, Rodriguez 17 (1/4, 3/7), Bruttini 6 (2/3), Roderick 16 (3/6, 3/5). All. Dell’Agnello.
Tiri da 2: 16/29 (55%) – Tiri da 3: 13/28 (46%) – Tiri Liberi: 12/13 (92%) – Rimbalzi: 40, offensivi 5 (Landi, Roderick 8) – Palle Perse: 18

TORTONA – Cannon 9 (3/9), Gazzotti (0/3 da 3), Ambrosin 9 (2/5, 1/5), Tavernelli 6 (0/1, 2/3), D’Ercole 8 (0/1, 2/4), Fabi (0/3, 0/4), Mascolo 9 (3/9, 0/2), Severini 7 (2/4, 1/5), Sanders 21 (3/6, 4/8), Morgillo 2 (1/1). All. Ramondino.
Tiri da 2: 14/39 (36%) – Tiri da 3: 10/34 (29%) – Tiri Liberi: 13/19 (68%) – Rimbalzi: 39, offensivi 16 (Cannon 8) – Palle Perse: 10