Ti sarà inviata una password tramite email.

Pistoia è alle spalle. Lo ha dimostrato la Pallacanestro 2.015 uscendo a braccia alzate dalla Milaukee Dinelli Arena di Cento, superando i padroni di casa della Tramec con un 72-54 finale che lascia spazio a ben pochi dubbi. Una gara che ha visto un andamento sempre favorevole all’Unieuro, ampiamente in controllo per tutti i 40′ con costanza e intensità e capace di instradarla a proprio favore con un paio di sprint che hanno tramortito gli avversari. Il primo subito nella frazione iniziale, quindi, quello definitivo, al rientro dagli spogliatoi quando i padroni di casa si erano rifatti vivi fino al -10. Detto ciò, inerzia sempre ben salda tra le mani degli uomini di Dell’Agnello, che hanno fatto valere tutta la propria fisicità (52-32 a rimbalzo…) e, inevitabilmente, il maggior tasso tecnico. Per due punti che consentono a Forlì di issarsi nuovamente in vetta alla classifica in solitaria.

Ancora senza Natali (a referto solo per onor di firma), Forlì parte per la terza gara di fila con Samuel Dilas sotto le plance. Petrovic, da buon ex, scatta forte dai blocchi (5-2), ma poi Cento deve fare i conti con gli americani di Forlì. Che imperversano in lungo e in largo, fanno valere energia ed atletismo e consentono ai biancorossi ospiti di prendere l’abbrivio già nel primo quarto. Dopo un primo ‘tentativo’ di Rush (5-8, poi 7-11), l’Unieuro vola addirittura sul +13 (9-22) con un parziale di 0-11. Un break costruito interamente da Erik e Terrence: al netto dei 3 punti di Rodriguez, il primo quarto è tutto made in USA, con i due che chiudono rispettivamente a quota 9 e 10. Cento tira male (1/9 dalla lunga distanza), è stritolata a rimbalzo (6-15), non vede la retina per ben 5’50” e per Forlì è un gioco da ragazzi toccare ripetutamente il +16 nei primi 5′ della seconda ripresa. Dell’Agnello dà fondo a tutta la sua panchina, ma qualcosa, con lo scorrere dei minuti, cambia. Perché i padroni di casa smettono di sparacchiare dall’arco (1/13 alla pausa lunga) e cominciano a dar palla sotto ai lunghi. Complice qualche palla persa avversaria e un’Unieuro che rallenta un po’ in attacco (solo 3 punti nei 2’50” prima della pausa lunga), così, Cento rialza la testa e si avvicina fino al -10 (23-33, 19’30”).

Al rientro in campo dagli spogliatoi, Forlì si risolleva però prontamente. Con la verve di Rodriguez e Roderick, infatti, dopo appena 1’55” nel terzo quarto i biancorossi costringono Mecacci a un immediato timeout, poiché i suoi sono ricacciati subito sul -17 (26-43). Cotton e Sherrod ci provano – prova insufficiente, ad ogni modo la loro, ben limitati dai forlivesi –, ma Forlì è con mente e corpo sul parquet e non lascia nulla di intentato. Con Rush e Landi (per l’occasione più che mai sul pezzo, specie sul fronte difensivo) gli ospiti volano sul +20 (30-50) a 26’20”, senza di fatto più mollare la presa sulla partita da quel momento in avanti. Presenza costante in difesa e soprattutto a rimbalzo, tutto fila lascio nella metà campo offensiva, con le corrette soluzioni e sempre prendendosi i giusti tiri (47% dalla lunga distanza al 30′). In avvio di ultimo quarto, poi, arriva il punto esclamativo. Perché Cento non segna dal campo per ben 4’20”, mentre l’Unieuro continua a fare il suo e incastona un 2-9 che vale il +24 (40-64) con poco meno di 6′ da giocare. Vittoria in cassaforte, gli ultimi minuti di gioco, con Mecacci che ‘panchina’ poi Cotton e Sherrod di lì a poco, sono pura accademia.

Tramec Cento – Unieuro Forlì 54-72
(9-22, 24-36, 39-55)

CENTO – Saladini ne, Fallucca 2 (1/3, 0/5), Rayner ne, Roncarati ne, Ranuzzi 4 (2/5, 0/1), Berti 4 (1/1), Leonzio 4 (1/2, 0/3), Petrovic 12 (4/5, 1/5), Gasparin 3 (0/4, 1/5), Moreno 4 (1/2, 0/1), Cotton 11 (3/10, 1/5), Sherrod 10 (4/8). All. Mecacci.
Tiri liberi: 11/13 (85%) – Rimbalzi 32 (10 offensivi) – Assist 13 – Palle perse 7

FORLÌ – Rush 14 (4/7, 2/5), Giachetti 4 (2/4, 0/2), Campori 4 (1/1 da 3), Natali ne, Bolpin 6 (1/5, 1/4), Landi 10 (1/2, 2/3), Dilas 4 (1/5), Zambianchi, Ndour, Rodriguez 6 (0/3, 2/6), Bruttini 6 (3/5), Roderick 18 (8/10, 0/1). All. Dell’Agnello
Tiri liberi: 8/13 (62%) – Rimbalzi 52 (17 offensivi) – Assist 12 – Palle perse 16