Ti sarà inviata una password tramite email.

Cala la saracinesca sulla stagione 2021/22 della Pallacanestro 2.015. Al termine dell’ennesima partita ‘tirata’ della serie, instradata ancora una volta sui binari giusti dai padroni di casa, i biancorossi cedono a Cantù in gara 4 ed escono dai playoff. Nel peggior modo possibile, però. In un’Unieuro Arena a dir poco bollente, Forlì cade 64-61, ma, a una manciata di secondi dalla fine, sul -2 – dopo aver forzato Cantù a un possesso perso –, ha tra le mani la tripla che sarebbe valsa il sorpasso e, chissà, gara 5. Fronte a canestro, conclusione apertissima, Lucas (serata negativissima: 2/16 al tiro) non scheggia nemmeno il ferro e fa così esultare l’Acqua San Bernardo. Un errore che fa male.

In precedenza, la partita è stata nervosa, con l’Unieuro che ha a lungo flirtato con l’inerzia del match riuscendo a complicare la vita non poco la vita ai quotati rivali. Tirando male (30% dal campo, non ha fatto meglio Cantù col 39%), ma compensando con la ‘garra’ difensiva, la fisicità (37-36 il computo delle carambole) e un immenso Bruttini (16+12): tutto secondo il piano partita. Questo non è bastato ed è un peccato, resta inevitabilmente parecchio amaro in bocca. Il ritorno a Desio, martedì prossimo, sarebbe stato meritato ed anche oggettivamente accarezzato fino a pochi minuti dalla fine. Ci si consola col meritato tributo dei tifosi biancorossi alla squadra a fine partita.

Gara che parte su ritmi difensivi elevatissimi. Si segna pochissimo, ma Cantù mette subito la testa avanti trascinata da un ispirato Allen (7-10). Forlì, dall’altra parte, lavora egregiamente nella propria metà campo, mentre si lascia a desiderare sul fronte offensivo: il primo canestro dal campo arriva dopo ben 3’30” di gioco. Spartito del match che non cambia, con i padroni di casa che lasciano le briciole agli avversari ma in attacco faticano ad entrare in ritmo (3/13 al tiro nel primo quarto), fallendo anche transizioni rapide. Ciononostante, a 8’35” l’Unieuro impatta con la tripla di Rush (12-12), quindi, in avvio di seconda frazione, è attivissima sotto canestro ma non capitalizza una manciata di carambole offensive catturate. Così, Cantù innesca i ‘soliti’ Stefanelli e Nikolic e nel cuore del parziale prende in mano l’inerzia del match tentando un mini-allungo (21-26). È però un fuoco di fiamma, perché i minuti che precedono la pausa lunga sono tutti colorati di biancorosso. Continuando a cavalcare una difesa super che manda totalmente in palla gli avversari (7 perse brianzole in 10’), Forlì dà palla sotto canestro e costruisce un break di 9-1 che vale il primo vantaggio a 27’40” (31-29), arrotondato poi da un ottimo Bruttini (10+6 in 12’) sul +4 (33-29).

Al rientro dagli spogliatoi, l’Acqua San Bernardo trova la chiave per provare a svoltare la sfida: palla sotto a Da Ros e gli ospiti restituiscono a loro volta l’1-9 (37-40 a 23’45”). Per Forlì sono momenti complicati. Pur pareggiando con Natali (40-40), Da Ros (8 punti nel terzo quarto) continua a metterci pepe e gli ospiti agganciano il massimo vantaggio del match sul +6: 40-46 a 27’30”. Tutto in discesa? No, perché finalmente sale in cattedra Lucas (ma sarà una toccata e fuga): 4/4 complessivo dalla lunetta, canestro in sospensione (primo cesto dal campo della sua partita, dopo ben 29’) e tripla in chiusura di terza frazione. I forlivesi sono lì (49-50) e, mettendo alla lunga i bastoni tra le ruota degli avversari, impattano sul 54-54 a 34’55”. Le squadre procedono a braccetto, in un ultimo quarto più che mai intenso e sono le entrate a canestro di Giachetti a dare la spinta ai padroni di casa: falli subiti in serie, percorso netto in lunetta e l’Unieuro si porta avanti (60-58) quando mancano 2’06” alla sirena. Il finale, però, è poi amarissimo. Rush esce per falli, Da Ros fa 2/2 dalla linea della carità e poi Allen insacca la bomba del +3. Decisiva, col senno di poi, quando mancano 1’07”. Nel finale, a -15″, Forlì forza Vitali alla palla persa, ma Lucas non è indimenticabile. In seguito, dopo l’1/2 dello stesso Vitali ai liberi, capitan Giachetti ci prova allo scadere prima della metà campo ma il tiro dell’ave Maria è corto.

Unieuro Forlì – Acqua San Bernardo Cantù 61-64
(12-14, 33-31, 49-50)

FORLÌ: Rush 5 (1/4, 1/4), Giachetti 12 (3/5, 0/4), Natali 3 (1/3), Palumbo ne, Bolpin 6 (1/3, 1/4), Zambianchi ne, Bandini ne, Ndour ne, Lucas 10 (1/8, 1/8), Benvenuti 9 (0/4, 1/1), Bruttini 16 (4/5), Pullazi (0/2, 0/2). All. Dell’Agnello.
Tiri da 2: 13/34 (38%) – Tiri da 3: 4/23 (17%) – Tiri liberi: 23/28 (82%) – Rimbalzi: 37, offensivi 9 (Bruttini 12) – Perse: 16 – Recuperi: 7 – Assist: 8

CANTÙ: Stefanelli 10 (3/6, 0/2), Vitali 5 (1/2, 0/3), Nikolic 7 (2/3, 1/1), Boev ne, Borsani ne, Da Ros 10 (4/8, 0/3), Bucarelli 10 (2/3, 2/3), Cusin 4 (2/4), Bayehe 3 (0/2), Allen 15 (4/8, 1/5), Severini (0/1, 0/2), Tarallo ne. All. Sodini.
Tiri da 2: 18/37 (49%) – Tiri da 3: 4/19 (21%) – Tiri liberi: 16/19 (84%) – Rimbalzi: 36, offensivi 4 (Allen 7) – Perse: 16 – Recuperi: 7 – Assist: 7