Ti sarà inviata una password tramite email.

La Pallacanestro 2.015 bagna l’esordio in regular season uscendo a braccia alzate dal PalaTricalle di Chieti, superando i padroni di casa con un secondo tempo di grande spessore. Termina 88-70 in favore dei biancorossi il confronto in terra abruzzese, che ha visto l’Unieuro alzare i ritmi dal secondo periodo di gioco fino al ‘culmine’ toccato nella seconda parte di gara. Quando cioè Forlì ha letteralmente preso il dominio delle plance (44-25 il computo dei rimbalzi al 40′: solo 15 sono arrivati da Palumbo…), ha fatto valere tutta la propria classe e, con grande consapevolezza nei propri mezzi, ha preso il largo al rientro dall’intervallo lasciando le briciole agli avversari. Con un Kenny Hayes del genere, del resto, tutto è in discesa: completamente a secco, quasi fuori partita, nei primi due periodi, ha poi infilato la bellezza di 22 punti in 17′, con 7/11 al tiro. In generale, ad ogni modo, un ulteriore, netto passo in avanti collettivo rispetto alle ultime uscite.

La tripla immediata di Meluzzi dà il ‘la’ alla stagione delle due compagini, ma è Forlì a partire col piede giusto. Perché Palumbo fa valere tutta la propria fisicità sui ‘longilinei’ esterni avversari, arriva al ferro con relativa facilità e i biancorossi inchiodano il +4 (6-10). Peccato che l’ex Scafati si veda comminare due falli nei primi minuti di gioco, che compromettono il suo primo tempo (solo 8’ in campo, ma tutti di qualità) nonché il gioco forlivese. Perché l’Unieuro si blocca sui due lati del campo, subisce un break di 11-0 a suon di incursioni teatine a canestro e rincorre sul -7 (17-10). L’ingresso in partita di capitan Giachetti è prodigioso, tra canestri e cioccolatini per i compagni e gli ospiti si destano: contro-break di 0-9 e nuovo vantaggio sul 17-19. Da quel momento l’equilibrio regna poi sovrano, con Chieti che trova canestri preziosi da Tsetserukou (7 punti in 9’) e Forlì che si aggrappa, di fatto, soltanto alla verve offensiva di Pullazi. Gli americani biancorossi faticano infatti ad accendersi (4 di Carroll in 18’, ‘virgola’ all’intervallo per Hayes) ed è così necessario attendere gli ultimi tre minuti prima della pausa lunga per rompere il ghiaccio. Con l’esperienza di Bruttini e Natali in bella mostra, gli uomini di Dell’Agnello confezionano uno 0-8 che vale il +6 (35-41, 18’45”).

Al rientro dagli spogliatoi, Forlì centra subito il +8 con Pullazi, ma Chieti resta aggrappata alla partita pur fallendo l’aggancio con Jackson dalla lunetta (45-46). Così, l’Unieuro spinge sull’acceleratore prendendo l’abbrivio giusto. Con i primi punti della partita di Hayes dopo 25’10” – l’esterno a stelle e strisce metterà in mostra il proprio repertorio per tutto il secondo tempo –, la PF costruisce uno 0-9 che vale il vantaggio in doppia cifra (45-55) a 26’35”. Gestendo i ritmi, controllando pitturato e rimbalzi, Forlì contiene la reazione casalinga (Tsetserukou è caldo, ma i teatini non vanno oltre il -5 a inizio quarto periodo) e conferma il momento positivo: 57-66, 31’30”. Quindi, poco prima della metà dell’ultima frazione, l’accelerata decisiva. La palla ‘gira’ bene, Giachetti e compagni si cercano, si trovano e a ‘risentirne’ positivamente è ovviamente la precisione al tiro: Hayes e Bolpin dall’arco mitragliano, quindi Kenny fa 3/3 dalla lunetta e l’Unieuro scappa via (64-77, 34’35”). Un minuto più tardi, Pullazi, sempre dall’arco, mette il punto esclamativo: 66-82 a 4’30” dalla fine. La partita si conclude in quel momento, nonostante Chieti abbozzi un ultimo disperato tentativo di reazione approfittando di un paio di ‘sbavature’ avversarie prontamente corrette dalla panchina, a tenere alta la guardia fino alla sirena. Il +18 toccato nel finale è soltanto il naturale risultato di un secondo tempo di grande qualità.

Lux Chieti – Unieuro Forlì 70-88
(22-24, 36-41, 54-60)

CHIETI – Rebec 7 (2/7, 1/6), Woldetensae 3 (0/1, 1/5), Graziani 3, Meluzzi 10 (2/5, 2/5), Jackson 12 (5/10, 0/2), Dincic 11 (4/6, 0/2), Cocciaretto ne, Aromando, Bartoli (0/1, 0/1), Tsetserukou 14 (4/7, 2/2), Amici 10 (2/4, 1/2). All. Maffezzoli.
Tiri da 2: 19/41 (46%) – Tiri da 3: 7/25 (28%) – Tiri liberi: 11/18 (61%) – Rimbalzi: 25, offensivi 10 (Jackson 6) – Assist: 17 (Jackson 5) – Perse: 10 – Recuperi: 7

FORLÌ – Giachetti 8 (2/3, 1/2), Natali 11 (3/3, 1/1), Palumbo 8 (4/7, 0/1), Bolpin 14 (3/6, 2/3), Hayes 22 (5/8, 2/7), Benvenuti 6 (3/4, 0/2), Flan ne, Carroll 4 (1/3, 0/4), Bruttini 4 (2/2), Pullazi 11 (1/1, 3/4). All. Dell’Agnello.
Tiri da 2: 24/37 (65%) – Tiri da 3: 9/24 (38%) – Tiri liberi: 13/13 (100%) – Rimbalzi: 44, offensivi 11 (Palumbo 15) – Assist: 21 (Giachetti 5) – Perse: 16 – Recuperi: 5