Ti sarà inviata una password tramite email.

L’infrasettimanale contro Roma si rivela più impegnativo del previsto per la Pallacanestro 2.015, che deve sudare le proverbiali sette camicie per togliersi di dosso i giovani stellati. Ci riesce soltanto nell’ultimo quarto di gioco, Forlì, dando fondo a tutte le proprie risorse offensive (29 punti segnati negli ultimi 10′) e lasciandosi una volta per tutte alle spalle l’energia dei ragazzi in maglia Stella Azzurra. A quel punto esausti e finalmente sotto nel punteggio dopo esser rimasti aggrappati alla partita per tre quarti abbondanti. Un’ultima frazione di gioco in cui l’Unieuro ha fatto valere la forza di tutto il proprio arsenale: 11/14 dal campo, addirittura 7/7 da dentro l’arco. Tutto ciò dopo varie fasi di gioco in cui gli ospiti hanno cercato (con successo) di togliere il gioco sotto canestro ai padroni di casa. Non poteva esserci modo migliore per avvicinarsi allo scontro diretto di Ferrara, a cui i biancorossi si avvicinano con un record di metà regular season di 11-1 e l’invidiabile posizione di capolista solitaria (con le ‘solite’ due partite in meno).

Alla palla a due a sfidarsi sotto canestro sono Dilas (alla quarta partenza di fila in quintetto) e Marcius, sbarcato nelle ultime ore e subito protagonista. La Stella Azzurra parte difendendo a zona sin dal primo possesso, prendendo d’infilata una Forlì che si lascia cogliere impreparata. La tripla di Menalo dopo soli 2’40” vale il +4 (3-7) che costringe Dell’Agnello a un immediato timeout. Muovendo palla sul fronte offensivo, Forlì entra finalmente in partita, trova il primo vantaggio a 4’25” con Roderick e, sulle ali di tre triple di fila, chiude un 11-0 che vale il +6 (16-10). Il quintetto di D’Arcangeli – che insiste col quintetto base, di fatto, per tutto il primo periodo – non molla però la presa e, anzi, riprende tra le mani il pallino del gioco. Prima con Giordano (16-17), poi, a 13’10” con Menalo (22-23) dopo un botta e risposta tra Bruttini e Thioune. Tutto il secondo periodo, del resto, è un punto-a-punto continuo, con l’Unieuro che comanda nel punteggio ma non riesce mai a trovare un piccolo sprint, anche a causa di un tiro dalla lunga distanza non proprio precisissimo (1/5 nei secondi 10′). Il vantaggio dei padroni di casa non va mai oltre il +5 (37-32), prontamente neutralizzato da una tripla di Cipolla.

Terzo periodo inaugurato dalla tripla di Rush, ma, al solito, la reazione dei capitolini è veemente e immediata (42-42 a 21’45”). Forlì trova punti soltanto dai suoi americani, mentre dall’altra parte la Stella Azzurra non si lascia intimidire dal quarto fallo di Rullo e torna mettere le mani sulla partita affidandosi ai propri lunghi (49-51). Per quasi 5’ l’Unieuro non trova canestri dal campo, però i biancorossi alzano il ritmo e conquistano una successione interminabile di tiri dalla lunetta (10/12 nel complesso) che consente loro di tornare avanti e scavare un piccolo solco (56-51, 26’). Parziale poi ulteriormente rintuzzato fino al +8 (61-53). Gli ospiti strappano una buona dose di rimbalzi offensivi e restano agganciati fino a inizio ultima frazione (63-59 con Cipolla), quando cioè i padroni di casa imprimono alla gara la svolta decisiva. Gli ottimi rifornimenti sotto canestro per Bruttini danno i propri frutti, col lungo senese a sigillare 5 punti per la doppia cifra di vantaggio (71-61 al 33’), prima vera fuga dell’intera sfida. Rullo evita il naufragio (71-66), ma l’uscita per falli di Marcius – ottimo esordio il suo, per intensità innanzitutto – fa suonare il de profundis in casa Roma. Perché Forlì mostra i muscoli in difesa, Landi fa scattare di nuovo i suoi e Giachetti pone la parola ‘fine’ con due cesti e un recupero che propizia il +12 firmato da Rodriguez (83-71 a 1’50” dalla sirena). Il successivo 0/2 di Menalo certifica a tutti gli effetti la vittoria casalinga.

Unieuro Forlì – Stella Azzurra Roma 90-77
(20-17, 39-35, 61-57)

FORLÌ – Rush 14 (4/7, 1/3), Giachetti 5 (1/2, 1/2), Campori 4 (0/2 da 3), Natali ne, Bolpin 2 (1/1, 0/1), Landi 18 (3/7, 4/7), Dilas 2 (1/2), Zambianchi ne, Ndour, Rodriguez 15 (2/4, 1/5), Bruttini 9 (2/2), Roderick 21 (4/7, 3/5). All. Dell’Agnello.
Tiri liberi 24/29 (83%) – Rimbalzi 38, 9 offensivi (Roderick 11) – Assist 23 (Roderick 8) – Palle perse 15

ROMA – Thompson 19 (5/10, 2/7), Innocenti (0/1 da 3), Giordano 6 (3/6), Menalo 12 (3/9, 1/5), Pugliatti (0/1), Visintin 7 (3/4), Rullo 11 (1/4, 3/5), Reale, Cipolla 7 (1/4, 1/4), Elhadji 4 (2/2), Ndzie 2 (1/1), Marcius 9 (3/5). All. D’Arcangeli.
Tiri liberi 12/16 (75%) – Rimbalzi 33, 12 offensivi (Menalo 9) – Assist 14 (Thompson 5) – Palle perse 15